Ci dormireste in una ex prigione americana per 190 dollari a notte? Accade a Bassora nel nuovissimo Hotel Basra Gateway aperto il 24 novembre scorso in occasione di una conferenza sul petrolio in una delle capitali del greggio iracheno. Fino a qualche tempo fa era una base americana  con tanto di prigione.

Ora piano piano le basi americane, centinaia, verranno lasciate al governo iracheno, alcune resteranno basi militari, altre verranno convertite. L’idea del Kufan Group è stato quello di mantenere la prigione com’è, nonostante diventasse un hotel, aggiungendo qualche comodità, soprattutto idraulica, ma fuori ci sono ancora i sacchetti di sabbia a protezioni e il filo spinato… Mah…

Mi sa che ci vuole un buon sonno e del pelo sullo stomaco, considerando quello che è accaduto e forse continua ad accadere nelle prigioni irachene

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

I colossi farmaceutici occidentali
fanno affari con le cavie umane indiane

prev
Articolo Successivo

Europa, meglio dentro o fuori?

next