Ci dormireste in una ex prigione americana per 190 dollari a notte? Accade a Bassora nel nuovissimo Hotel Basra Gateway aperto il 24 novembre scorso in occasione di una conferenza sul petrolio in una delle capitali del greggio iracheno. Fino a qualche tempo fa era una base americana  con tanto di prigione.

Ora piano piano le basi americane, centinaia, verranno lasciate al governo iracheno, alcune resteranno basi militari, altre verranno convertite. L’idea del Kufan Group è stato quello di mantenere la prigione com’è, nonostante diventasse un hotel, aggiungendo qualche comodità, soprattutto idraulica, ma fuori ci sono ancora i sacchetti di sabbia a protezioni e il filo spinato… Mah…

Mi sa che ci vuole un buon sonno e del pelo sullo stomaco, considerando quello che è accaduto e forse continua ad accadere nelle prigioni irachene

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I colossi farmaceutici occidentali
fanno affari con le cavie umane indiane

next
Articolo Successivo

Europa, meglio dentro o fuori?

next