Il Presidente Monti risponde alle domande dei giornalisti dopo aver illustrato la manovra:

– Presidente Monti, quindi si può dire che il suo metodo per far quadrare i conti è: facciamo alla romana?
– Non è che siamo al ristorante. Ma detto in parole povere, sì.
– Scusi presidente, con che altre parole lo dobbiamo dire?
– Ma sì infatti, così la smettiamo con questa storia del governissimo super partes, come se i voti in Parlamento non dovessimo prenderli. Avanti con la prossima domanda.

– Presidente Presidente, una domanda per il mensile Madre di Dio!
– Dica
– Lei si considera un fervente cattolico?
– Sì, dentro di me arde perpetua la fiamma della fede. Dove vuole arrivare?
– Lei ha parlato spesso di sacrifici in questi giorni. Dobbiamo fare i sacrifici del decreto salva-Italia per entrare nuovamente in contatto con Nostro Signore o per placare il giudizio di Dio, adirato per la nostra condotta peccaminosa?
– Guardi, se mai i sacrifici sono per entrare in contatto con i mercati finanziari, comunque se si guarda la parte sull’Ici vede che nelle alte sfere celesti non abbiamo scontentato nessuno. Prossima Domanda.

– Presidente Monti, all’inizio del suo mandato ha detto che avrebbero pagato quelli che hanno dato meno. E che la manovra avrebbe messo giovani e donne al primo posto. Ci chiediamo: gli ultimi saranno anche i primi?
– Mi scusi non capisco la domanda.
– Sì era un po’ sottile. Non è che il vostro programma è un po’ vorrei-ma-non-posso?
– Continuo a non afferrare.
– Passiamo oltre… Alcuni economisti sostengono che i sacrifici potrebbero essere inutili, se il problema non si risolve in sede europea.
– E’ una tesi fantasiosa ma le rispondo subito che non è con la fantasia che si costruiscono i modelli macro-economici necessari a salvare un Paese dal rischio default.
– E cosa si usa allora?
– Vede qui, tengo una catenina sotto la camicia, ci ho appena messo un cornino che mi hanno portato da Napoli. Ne metta uno anche lei, guardi è anche grazioso, ai miei nipotini piace un sacco…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Una lacrima sul viso

next
Articolo Successivo

Buona la cura, morto il paziente

next