L'Ilva di Taranto

L’Ilva di Taranto dovrà risarcire i lavoratori della Nuova Siet. E’ quanto deciso dalla seconda sezione penale della Corte di Cassazione del capoluogo jonico, che ha annullato senza rinvio la sentenza di assoluzione della Corte d’Appello nei confronti di Emilio e Claudio Riva, accusati di truffa ai danni dell’Inps, estorsione e tentata estorsione nei confronti dei dipendenti dell’ex azienda Nuova Siet. I giudici, decretando la prescrizione del reato (riqualificato in truffa aggravata e continuata), hanno al contempo riconosciuto il diritto dei lavoratori al risarcimento del danno e hanno rimesso gli atti al giudice del lavoro.

La vicenda giudiziaria ha una storia articolata. In primo grado il gup del Tribunale di Taranto, Annamaria La Stella, aveva condannato con rito abbreviato a quattro anni di reclusione il presidente del gruppo Riva, Emilio Riva, e suo figlio Claudio, a tre anni il dirigente Italo Biagiotti e a un anno e due mesi il rappresentante della Nuova Siet, Giovanni Perona (solo per truffa). La sentenza riguardava il trasferimento di circa 300 lavoratori, nel 1999, dalla Nuova Siet all’Ilva di Taranto, che acquisì anche tutti i beni aziendali. Il gruppo Riva assorbì le attività svolte dalla consociata e mise in mobilità tutto il personale. Secondo l’accusa, ai lavoratori fu poi proposto di rientrare in azienda sulla base di nuovi contratti al ribasso rispetto a quelli precedenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiat, sui nuovi contratti è scontro con la Fiom
Landini: “Così si negano i diritti ai lavoratori”

next
Articolo Successivo

“Inevitabile riforma pensioni”. Ma Camusso mette in guardia: “40 è numero intoccabile”

next