Le retribuzioni contrattuali dei lavoratori italiani a ottobre sono rimaste ferme su base mensile, tanto che la variazione tendenziale è a +1,7%. Il dato è stato diffuso dall’Istat, secondo cui nella media del periodo gennaio-ottobre 2011 l’indice è cresciuto appena dell’1,8% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. Nei macrosettori, invece, nel mese scorso le retribuzioni orarie contrattuali hanno fatto registrare un incremento tendenziale dell’1,9% per i dipendenti del settore privato e dello 0,6% per quelli della pubblica amministrazione. Cresce su base annua, quindi, la forbice tra l’aumento delle retribuzioni contrattuali orarie (+1,7%) e il livello d’inflazione(+3,4%), toccando una differenza pari a 1,7 punti percentuali. Il precedente record era a 1,3 punti percentuali. Si tratta del divario più alto almeno dal 1997.

I settori che hanno presentato gli incrementi maggiori rispetto allo stesso mese del 2010 sono quelli militari e della difesa (+3,7%), le forze dell’ordine (+3,5%), gomma, plastica e lavorazioni minerali non metalliferi e attività dei vigili del fuoco (per entrambi +3,1%). Variazioni nulle, al contrario, per ministeri, scuola, regioni e autonomie locali e servizio sanitario nazionale. A ottobre, inoltre, nessun accordo in attesa di rinnovo, tra quelli monitorati dall’indagine, è stato siglato: la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è rimasta quindi del 33,1% nel totale dell’economia e del 12,9% nel settore privato. L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è, in media, di 22,4 mesi nel totale e di 23,4 mesi nell’insieme dei settori privati. Alla fine di ottobre, i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica corrispondono al 66,9% degli occupati dipendenti e al 61,7% del monte retributivo osservato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rissa al picchetto dei lavoratori delle cooperative ai cancelli di Esselunga

next
Articolo Successivo

Fiat, il tavolo comincia senza la Fiom
Landini: “Hanno perso la testa”

next