Questa volta davanti ai magazzini Esselunga di Pioltello (Milano) sono volate le botte. Le discussioni, a volte animate, domenica hanno lasciato il posto a un vero e proprio tafferuglio. Una cinquantina di persone, tra lavoratori di una cooperativa di facchinaggio del consorzio Safra, esponenti del centro sociale Vittoria e del mondo antagonista milanese (che da più di un mese protestano per le condizioni di lavoro disumane e per 15 licenziamenti), contro un’altra cinquantina di lavoratori, che hanno forzato il picchetto per entrare a lavorare. Risultato: oltre venti feriti.

Tutto tranquillo fino alle 16.30 di domenica, 24 ore dopo l’inizio di un nuovo sciopero. Qualche agente della Digos. La gente in presidio si scalda davanti a un fuoco: è lì per chiedere il reintegro di chi è stato licenziato e la fine dello sfruttamento dei lavoratori, soprattutto stranieri. A un certo punto, dal fondo della strada che porta ai cancelli, un manipolo di operai in formazione compatta, a braccetto e a passo spedito, si dirige verso il presidio all’ingresso dei magazzini. Quando i due gruppi arrivano in contatto partono pugni e calci. Per alcuni minuti.

Ma qui le versioni divergono. Secondo le forze dell’ordine, i manifestanti del presidio hanno aggredito i lavoratori che volevano forzare il blocco. E hanno usato pezzi di bancali come spranghe e fumogeni come armi. Una volta che gli operai sono riusciti a passare, chi era in presidio ha iniziato a lanciare oggetti contundenti, colpendo anche addetti alla vigilanza. Diverso quanto raccontato dal sindacato Si Cobas, che appoggia i lavoratori in sciopero: aggredite sono state le persone in presidio, vittime di un’azione squadrista guidata dal presidente di Safra, Onorio Longo. Secondo il sindacato, che ha diffuso in Rete un video in cui si vede l’inizio del tafferuglio, nel gruppo di operai che cercava di entrare c’erano anche persone estranee alle attività in Esselunga. E il presidio, dicono i Cobas, non aveva lo scopo di fermare con violenza chi volesse lavorare, ma solo persuadere a non farlo.

Il bollettino dello scontro, secondo le forze dell’ordine, è di 19 feriti: 4 tra il personale di vigilanza e 15 tra chi ha forzato il blocco, con un operaio pachistano che ha subito la frattura dello sterno (25 giorni di prognosi) e uno di nazionalità indiana che ha riportato un’ustione a un gomito. A questo conto, il sindacato Si Cobas aggiunge cinque feriti tra i lavoratori in presidio.

Il sindaco di Pioltello, Antonio Concas, continua a muoversi per una trattativa che possa risolvere la situazione. Settimana scorsa ha ricevuto dal Consiglio comunale mandato per proseguire un’attività che porti al confronto tra Safra, sindacati confederali ed Esselunga. Ma il gruppo di Bernardo Caprotti, per ora, continua a latitare. “Questa è una difficoltà in più – commenta Ettore Montagna, della segreteria regionale della Filt-Cgil -. Auspichiamo che il prefetto convochi un incontro a cui partecipi pure Esselunga, oltre a Safra e lavoratori”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiat approda in Consiglio a Torino. Ma non svela i piani dopo l’azzeramento degli accordi

prev
Articolo Successivo

Lavoro, Istat: retribuzioni ferme a +1,7%, inflazione al 3,4%

next