Piazza Tahrir è ancora il centro delle proteste, i manifestanti chiedono che i militari lascino la guida del paese. Il Paese si trova in una fase di stallo: alla vigilia del lungo processo elettorale i cittadini lamentano mancanza di sicurezza. Gli egiziani si recano alle urne per la formazione del nuovo parlamento, che avrà l’incarico di dotare il Paese di una nuova Costituzione. I Fratelli Musulmani, favoriti nella corsa elettorale, hanno deciso di non partecipare alle proteste, per non delegittimare le elezioni. Intanto a piazza Tahrir la situazione è molto tesa, i volontari presidiano tutti gli ingressi alla piazza, controllando documenti e zaini. Questi controlli diventano però motivo di scontro, rischiando di diventare veri e propri linciaggi. di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In piazza per l’acqua bene comune: “Rispettate l’esito del referendum”

next
Articolo Successivo

La terra trema – l’enogastronomia “sovversiva”

next