Piccoli produttori agricoli uniti contro le megaopere e il consumo di territorio. Al Leoncavallo di Milano si concluderà questa sera la quinta edizione de La terra trema, fiera eno-gastronomica “eversiva” dedicata ai lavoratori della terra ed ai suoi prodotti: degustazioni, convegni, dibattiti e concerti a sostegno dei “piccoli produttori, sensibili e critici, legati al proprio territorio e al proprio lavoro”. Esplicitamente contro i “megaprogetti infrastrutturali, l’agroindustria, il pericoloso bluff degli ecocombustibili e l’uso insensato di Ogm”, questa iniziativa ha fra i suoi obiettivi quello di “sperimentare progetti concreti di costituzione di filiere corte auto-organizzate”, in modo da creare “nuove forme di cura dell’ambiente e del territorio”. di Andrea Bertaglio e Stefano Cavallotto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

La vigilia delle elezioni presidenziali in Egitto

next
Articolo Successivo

Beha: “Nervosismo alle stelle tra rapine, aggressioni e manate”

next