EuropeanaCome vediamo ormai tutti i giorni, l’Europa ha grandi difficoltà a “ragionare” in modo omogeneo, almeno in termini politici ed economico-finanziari. Per risollevarci un po’ il morale e scoprire qualcosa di nuovo in modo assolutamente piacevole, possiamo apprezzare culturalmente e artisticamente l’universo europeo nel suo insieme grazie ad Europeana, uno spazio digitale (ma anche fisico) che ha l’obiettivo di rendere il patrimonio culturale e scientifico europeo accessibile al pubblico.

Il progetto è partito nel 2008 finanziato dalla Commissione europea e ospitato fisicamente presso la Biblioteca nazionale olandese, la Koninklijke Bibliotheek: nel corso di questi anni si è evoluto grazie a nuovi finanziamenti, puntando sempre di più sull’interattività dei contenuti digitali e realizzando, in partnership con le strutture istituzionali dei vari paesi, diversi progetti a cavallo tra soluzioni digitali ed eventi fisici.

A luglio 2010 ha raggiunto i 10 milioni di oggetti digitali!

Europeana rappresenta dunque una grandissima banca dati ricca di schede informative su stampe, oggetti, dipinti, sculture, libri, ecc. Non aspettatevi effetti speciali, ma tutto è all’insegna della comprensione, dell’accessibilità e della facilità di fruizione: Europeana consente agli utenti di esplorare le risorse digitali dei musei d’Europa, biblioteche, archivi e collezioni audiovisive.
C’è un blog aggiornato in più lingue con notizie sulle iniziative e sulle collezioni di mezz’Europa.

Inoltre ci sono alcuni progetti speciali. Su tutti emerge Europeana Remix, basato su un cortometraggio prodotto grazie al crowdsourcing, “La prima guerra mondiale nei documenti di tutti i giorni “. Come spiega bene il sito, Europeana Remix è sostanzialmente un video interattivo che permette di navigare attraverso i contenuti correlati (mappe, fotografie), condividere il video con gli amici e interagire con altri utenti attraverso i commenti che si possono inviare in qualsiasi momento del film.

Tra gli altri progetti segnalo Reading Europe: European culture through the book e il recente concorso fotografico promosso da Europeana e diffuso su tutto il territorio europeo, WikiLovesMonuments.

Perdetevi un po’ tra gli oggetti provenienti dai musei di tutta Europa… Buon Europeana Tour!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chelsea Hotel: che cosa resta?

prev
Articolo Successivo

Gioventù amore rabbia
(e giornali)

next