Genova. Ha smesso di piovere su Genova, dopo i nuovi nubifragi dell’alba. Sul capoluogo ligure sta spuntando un pallido sole, ma resta fino alle 18 di stasera l’allerta 2, il massimo grado. Sono infatti previste nuove piogge a partire dalla tarda mattinata. Il nubifragio ha provocato una frana nel torrente Fereggiano, lo stesso che venerdì scorso è esondato provocando la morte di sei persone. I vigili del fuoco stanno cercando di rimuoverla. Diverse le segnalazioni di strade e scantinati allagati. E’ poi tornata normale la situazione alle stazioni ferroviarie di Brignole e Sturla, dopo il divieto ai passeggeri di scendere. Interrotta per oltre un’ora l’autostrada tra Genova Nervi e Genova Est, sulla A12 in direzione del capoluogo ligure. Code vengono segnalate su tutta la rete genovese da Autostrade per l’Italia, che invita a non mettersi in viaggio verso il capoluogo ligure.
I funerali di due delle sei vittime dell’alluvione di venerdì scorso, Serena Costa e Evelina Pietranera, sono stati rinviati a domani mattina. Nel pomeriggio, invece, è prevista la relazione al Consiglio comunale del sindaco Marta Vincenzi.

Isola D’Elba. ”Tornata la luce, abbiamo capitoche la situazione è disastrosa”. Lo afferma Vanno Segnini, sindaco di Campo nell’Elba, il paese alluvionato dell’isola dell’Arcipelago Toscano. Il pm di Livorno Luca Masini ha aperto un fascicolo al momento senza formulare ipotesi di reato e ha disposto l’esame esterno del corpo di Maria Luisa Barile, la donna di 81 anni morta durante l’emergenza di ieri mattina a Marina di Campo: i rilievi del medico legale sono già avvenuti ieri all’obitorio di Portoferraio. Non ci sono sfollati, ma decine di persone hanno trovato ospitalità da amici e parenti. In tutta l’isola d’Elba le scuole sono chiuse. L’allerta meteo terminerà nel pomeriggio. A Campo nell’Elba è inservibile anche la caserma dei carabinieri. Il comando provinciale ha così disposto il trasferimento sul posto della stazione mobile che funzionerà come normale punto di riferimento dell’Arma. Intanto i carabinieri già da ieri hanno organizzato tre pattuglie anti-sciacallaggio.

Il Po. Sopralluogo questa mattina dei tecnici di Protezione civile della Provincia di Parma lungo l’asta del Po da Polesine a Colorno. “Le aree golenali aperte si stanno allagando – ha detto l’assessore Andrea Fellini – Il passaggio della piena, molto lenta, è previsto tra le 6 e le 12 di oggi a Piacenza, a Cremona fra le 18 e le 24 quindi a Parma il Po raggiungerà il colmo massimo presumibilmente nella mattinata di domani”. A Ponte Becca la piena c’è stata alle due della scorsa notte e i livelli sono lentamente scesi attestandosi alle 10 sui 4,02 metri. Sale intanto il livello a Piacenza che sempre alle 10 aveva raggiunto i 6.59 metri, mentre a Isola Pescaroli era di 14.49 m, 4.28 m a Casalmaggiore. In nessuno dei casi si è raggiunto il livello 3, quello che indica allarme. “Registriamo una esondazione del Taro in golena a Gramignazzo – ha spiegato ancora Fellini – un fenomeno normale in situazioni come questa poichè il Po fa fatica a ricevere l’acqua degli affluenti”. I rilievi delle piogge della notte non evidenziano dati significativi: i millimetri caduti sui bacini di Parma, Baganza e Taro sono tutti compresi fra i 20 e 30 millimetri.

Leggi la cronaca di ieri

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta Menarini, 14 indagati
E 860 milioni di danni allo Stato

next
Articolo Successivo

Chiediamoci se le nostre scuole sono sicure

next