Mai più un Silvio Berlusconi. Ecco il primo punto sull’agenda del prossimo governo, di qualunque natura e colore esso sia. Ora che il Caimano pare aver perso davvero tutti i denti, ora che la maggioranza si sfalda e sul berlusconismo scorrono i titoli di coda, è tempo di prendere un impegno solenne con il paese. L’anomalia arcoriana va estirpata dalla politica italiana, per impedire che si ripeta, magari sotto altre vesti e sotto altri nomi. Ma anche per impedire che Silvio (o Marina) tentino – come è già successo quando tutti dicevano “è finita” – un clamoroso colpo di coda.

Per questo vi invitiamo a farvi portavoce di questa battaglia: la prima legge da sottoporre al Parlamento (e da inserire, poi, in Costituzione) ha un nome chiaro: conflitto di interessi. Abbiamo creato un evento su Facebook per far capire quanto sia voluto dagli italiani un provvedimento del genere. Oggi che l’Italia si sta liberando di Berlusconi, facciamo in modo che la storia non si possa ripetere. Così come dopo il fascismo, i costituenti hanno fatto di tutto affinché l’Italia non potesse ricadere in una dittatura politica, oggi facciamo in modo che l’Italia non possa ricadere in una dittatura economica e mediatica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Termovalorizzatore di Salerno
De Luca chiede il giudizio immediato

next
Articolo Successivo

Legittimo impedimento al processo Mediaset Le motivazioni del sì della Consulta

next