Interpellata per una intervista sul nostro servizio video, Società Autostrade, concessionario dell’opera, ha risposto con questa nota, datata 21 ottobre 2011. La riportiamo integralmente.

“In merito alle affermazioni del Movimento Cinque Stelle sui lavori della Variante di Valico sull’A1, Autostrade per l’Italia esclude nel modo più assoluto che il paese di Santa Maria Maddalena stia collassando a causa dello scavo della galleria Val di Sambro, come dimostra il piano di monitoraggio in atto.

Autostrade per l’Italia ricorda che la progettazione di questa galleria è il risultato di un lavoro che ha coinvolto professionisti di chiara fama e che ha ottenuto tutte le autorizzazioni previste, comprese quelle del ministero dell’Ambiente, delle Infrastrutture, dell’Anas, della Regione Emilia Romagna, della locale comunità montana e di tutti gli enti territoriali coinvolti.

Poiché progetti di questa tipologia non possono escludere movimenti del terreno, da tempo Autostrade per l’Italia ha attivato un pool di professori universitari che sta seguendo l’evoluzione di questo progetto per prevenire qualsiasi situazione di rischio suggerendo tutte quelle precauzioni, talvolta anche ridondanti, al fine di rassicurare gli abitanti di Santa Maria Maddalena. In particolare quelli che occupano abitazioni che erano in precarie condizioni ancor prima dell’inizio dello scavo della galleria, come ad esempio quelle oggetto dell’ultima ordinanza del sindaco e la chiesa, che risulta inagibile ancor prima dell’avvio degli scavi.

Infine, il mettere in dubbio che l’alta velocità ferroviaria Firenze–Bologna e l’autostrada siano coinvolte da alcun movimento, è frutto di strumentalizzazioni utili solo a chi ha interessi dallo stop dei lavori, speculando sulla situazione di disagio di alcuni cittadini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

C’è un paese che frana. La Procura indaga per disastro colposo (video)

prev
Articolo Successivo

Scalata Unipol alla Bnl, oggi la sentenza: Consorte rischia 4 anni e 7 mesi

next