La pagina Facebook "No alluvione fiume Magra"

Foto che mostrano auto abbandonate in mezzo al fango e case sventrate, oltre ai video caricati su YouTube che testimoniano con le immagini i danni della pioggia incessante. L’alluvione che ha colpito Liguria e Toscana e che finora ha causato 5 morti e 6 dispersi riempie anche le bacheche di Facebook e dei social media, dove si susseguono domande sulla viabilità e considerazioni su un dramma che, scrivono in tanti, poteva essere evitato. E prevenuto da anni.

Sulla pagina Facebook “No alluvione fiume Magra decine di utenti stanno commentando i disagi di queste ore e chiedono aggiornamenti sulla condizione delle strade. “La strada Berceto-Pontremoli-Aulla-Spezia è percorribile?”, domanda Alessandro e Deathwalker si unisce al coro di chi pone l’accento sulla mancata prevenzione (“Sveglia – commenta- ci vuole una rinfrescata, indipendentemente dal credo politico questi che ci sono ora sono della Capre e devono andare al pascolo”. E prosegue: “Un anno fa stessa situazione, cosa hanno fatto per evitare che risuccedesse? Come hanno avvertito i cittadini?”). Il problema del fiume Magra infatti era già stato segnalato dai cittadini che in queste ore lo ricordano anche sui social media. “Un disastro pienamente e palesemente annunciato da tempo e anni, ma le cose non cambiano”, nota Claudia secondo cui, purtroppo, si è presentata una situazione nuova. Ovvero la tragedia di “persone disperse e altre morte”. Mike, poi, invita a reagire contro una classe politica inadempiente: “Ribellatevi ai vostri amministratori pubblici locali, vera piaga della vostra bellissima terra!”.

Su Twitter invece è possibile seguire gli aggiornamenti con #alluvione, #liguria e #lunigiana. L’hashtag #cinqueterre è utilizzato anche da tanti stranieri che in passato hanno trascorso le vacanze in Liguria. Nei loro tweets fanno circolare la notizia dell’alluvione, insieme a parole di solidarietà per la popolazione locale e tanta amarezza per il disastro ambientale. “Horrible pictures out of #cinqueterre not how I remember such an amazing place, with amazing people” nota Emmajsn che ricorda con piacere le meraviglie locali e l’accoglienza dei liguri e Kimievans scrive che, dopo disagi e difficoltà, i suoi amici sono riusciti a spostarsi dal luogo dell’alluvione, ma non dimentica la tragica scomparsa di alcuni abitanti: “Friends were finally boated out of Cinque Terre and Vernazza after the massive flood. Heard that 5 people are missing”. Infine, il ricordo per dei luoghi cancellati dall’alluvione. Da New York, ad esempio, Kiki Moreo ricorda Monterosso, ormai scomparsa: “One of my favorite places in Italy! This is terrible! “Monterosso no longer exists”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Alluvione Liguria: “Quando mi sono voltato la strada di Monterosso era un fiume in piena”

next
Articolo Successivo

Maltempo in Liguria, i paesi dopo l’alluvione

next