Mentre Roma brucia, la borsa scende e in Libia la guerra impazza, Ada De Santis è nel mondo incantato delle fiabe: “i sogni son desideri cantava Cenerentola”. L’anima da servizio pubblico del tg più divertente del pianeta viene fuori in un servizio pop professionale documentato da Andrea Cicogna: i consigli per la festa dei 18 anni. Benvenuti nel rutilante mondo dei compleanni delle neodiciottenni ed ecco a voi la pianificatrice di feste: “sono la parti planner, propongo idee, propongo le lochescion” ma non è tutto perché “una volta decisa la lochescion scatta per le ragazze la corsa all’abito, ovviamente da principessa“, aggiunge la minzogiornalista. E secondo voi come finisce la festa? per fortuna Ada De Santis svela l’arcano: “la festa culmina con l’arrivo della torta“. E cosa ci sarà mai in cima alla torta di una neodiciottenne? “le fatidiche disciotto (sic) candeline”, of course.

Se a Roma si festeggia con party planner in varie lochescion a Venezia ci si abbraccia. “In un gesto piccolo un regalo per l’Italia”, annuncia serioso il tenebroso Giorgino. E’ arrivata finalmente la giornata internazionale degli abbracci baby e ci si stringe forte. Cadono le foglie, si accendono le voglie e Daiana Paoli ci svela che, addirittura, “qualcuno contagiato dall’euforia coccola pure la moglie”.

Ci si bacia e ci si abbraccia anche all’Università Giovanni Paolo I, ateneo che conferisce una laurea honoris causa a Pasquale Zagaria, alias Lino Banfi, alias Nonno Libero. Alessandra Di Tommaso ci mostra il titolo di “Cattedratico Ordinario honoris causa nella facoltà di Scienze della Comunicazione”. La reazione del neo-cattedratico, passato alla storia per pellicole come “L’Esorciccio” e “Occhio, malocchio prezzemolo e finocchio”, è secca e concisa: “reghezzi una parola è troppo e due sono poche“. Nonno Libero ha anche un consiglio per i giovani: “scienza della comunicazione, bisogna comunicare in un periodo in cui si comunica poco”.

Non comunica ancora con il Tg di Uno l’uomo delle nevi che sicuramente esiste e vive in Siberia e di cui sono stati trovati finora solo alcuni peli grigi e un po’ di erba secca del materasso. Il servizio pop che sconvolge scienza e fantascienza piomba dritto al primo posto ed è gettonatissimo anche su Youtube.

Minzoparade Anno II N. 38 (15-21 ottobre 2011, Tg di Uno ore 20)
1. (1) L’uomo delle nevi esiste e vive in Siberia New Entry! Guarda il servizio
2. (2) La nuova Ferrari non rovina la permanente (-) Guarda il servizio
3. (2) I consigli per l’insonnia: aprite le finestre (-) Guarda il servizio
4. (3) La riscoperta della merenda (-3) Guarda il servizio
5. (1) Emozioni forti alla buca 14: gli squali nel campo da golf New Entry! Guarda il servizio
6. (3) Il ritorno dei carrettini con i cuscinetti a sfera (+3) Guarda il servizio
7. (3) I cestini dei rifiuti a Londra parlano e cantano (-) Guarda il servizio
8. (1) La gara dei salti di Santorini New Entry! Guarda il video
9. (4) Lo zufolatore fiorentino (-3) Guarda il servizio
10. (2) Ore contate per i Simpson (-) Guarda il servizio

Minzi Caldi (in ordine cronologico)
– I consigli per la festa dei 18 anni Guarda il video
– La giornata internazionale degli abbracci Guarda il servizio
– Nonno Libero prende la laurea Guarda il servizio

Minzoparade Channel Top 5
1. Le patate alla lavastoviglie (15.332 visualizzazioni)
2. I consigli per evitare le puzzette del bebé (14.057)
3. La grattachecca della Sora Maria (8.984)
4. L’uomo delle nevi esiste e vive in Siberia (6.786)
5. Vietato calpestare le formiche (5.860)

La posta della Minzoparade

Norena vota per la Ferrari che non scompiglia e, “data la mia propensione all’insonnia, (voto) i consigli per sconfiggerla, anche se devo denunciare la loro totale inefficacia: anche con la finestra aperta non mi addormento lo stesso”.
Yhcuac, invece, esprime la sua preferenza per il servizio sullo Yeti siberiano ed aggiunge: “in fin dei conti il modello per il lettone Putin da qualche parte doveva pure averlo preso.”

Scuola Media Pilutzer (Tg di Uno 13:30, venerdì)
“La settimana nera di Repubblica inizia subito dopo la manifestazione degli indignati a Roma” annuncia pimpante la minzoprofessoressa di buon giornalismo Francesca Oliva. Sono di nuovo quei figli di un De Benedetti minore a dover essere minzobacchettati per articoli, parole, opere ed omissioni. Per fortuna c’è il Times de’ Noantri, Il Tempo di Roma, a dare lezioni di buon giornalismo. Dopo settimane di astinenza la Scuola Media Pilutzer somministra a questo faro dell’informazione del nuovo millennio una bella minzocaramella. Guarda il servizietto
Ecco la nuova lavagna:

Buoni
Il Giornale (3)
Il Corriere della Sera (2)
Tg di Uno, Libero, Piero Ostellino,Vittorio Emanuele di Savoia, Filippo Facci, Alfonso Signorini, Giampaolo Pansa, Il Tempo (1)

Cattivi
La Repubblica (20)
Il Fatto Quotidiano (12)
L’Unità (10)
Il Corriere della Sera (5)
La Stampa (4)
Marco Travaglio, Massimo Giannini, Il Secolo XIX, La stampa italiana (3)
Il Secolo d’Italia, Il Mattino (2)
Annozero, Oggi, I Giudici, Agenzia Ansa, Leoluca Orlando, Eugenio Scalfari, Roberto Saviano,La stampa francese,Concita De Gregorio,Vito Mancuso, Al Gore, Avvenire, Beppe Grillo, Il Quotidiano della Calabria, L’Espresso, Umberto Eco, Barbara Spinelli, Il Messaggero, Il Sole 24 Ore, Umberto Eco (1)

Il Centro Studi Tg di Uno di Vancouver vi invita ora a votare (doppia preferenza) i reportage che più vi hanno inforallegrato utilizzando lo spazio per i commenti. La Minzoparade è anche su Facebook e Twitter ed è pubblicata ogni sabato. Il nostro indirizzo è [email protected]. Servizi e servizietti del Tg più divertente del globo sono anche trasmessi dal Minzoparade Channel su YouTube, l’unico canale very rieduchescionel.

Vi aspettiamo sabato prossimo: le minzocaramelle più zuccherose non ci sono ancora state somministrate.
A cura di Ernesto Salvi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sei anni fa era un’azienda in salute
oggi la Rai ha le casse semivuote

prev
Articolo Successivo

La bancarotta della Tv
nel Paese della Tv

next