Se Gheddafi se n’è andato, Ben Alì è tornato. Su YouTube è comparso un bel video che racconta bene il nord Africa che cambia dopo la primavera araba. Girato nella cittadina tunisina di La Goulette, situata sulla costa a dieci chilometri da Tunisi, fa vedere la costernazione dei cittadini davanti alla gigantografia, appesa su un palazzo, di un redivivo Bel Alì, il dittatore cacciato dalle rivolte popolari alla fine del 2010. Cittadini, passanti, autisti e lavoratori di passaggio, guardano la gigantografia con rabbia mista a preoccupazione: “Che succede – sembra di leggere nei loro volti – il tiranno è tornato al potere?”.

C’è spazio anche per attimi di timore: ma non era tutto finito? Si ricomincia con la dittatura? Sarà il caso esporsi contro l’effigie? Presto il coraggio prende il sopravvento. Un gruppo di uomini si fa forza, si reca sotto l’enorme poster, lo tira via con rabbia e sotto di questo, nella sorpresa generale, compare una scritta in arabo: “Attenzione, la dittatura può tornare: il 23 ottobre, andate a votare”. I volti degli astanti si distendono, la soddisfazione è palpabile, come se ancora una volta, in quel momento, la libertà sia stata ritrovata. Domenica, la Tunisia sarà il primo paese ad andare alle urne dopo le rivolte dello scorso inverno. E per i tunisini democratici, è un appuntamento virale, da non perdere.

Il Fatto Quotidiano, 21 ottobre 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il viaggio in Italia di Marine Le Pen
Tra Santanchè, Borghezio e la destra sociale

next
Articolo Successivo

La Nato: “Fine operazioni entro 31 ottobre”
I ribelli: “Catturato Saif al-Islam”

next