François Hollande, lo sfidante di Sarkozy alle presidenziali del 2012

Oltre tre milioni di votanti e una vittoria annunciata, quella di Francois Hollande su Martine Aubry. Così come accaduto una settimana fa per il primo turno, le elezioni primarie socialiste per la scelta del candidato da opporre a Nicolas Sarkozy alle presidenziali del prossimo anno si sono rivelate un successo. Alle 17 avevano già espresso la loro preferenza oltre un milione e 600mila francesi, con il dato che ha superato i tre milioni alla chiusura delle urne. Alle 19,30, invece, ecco i primi risultati parziali, con Hollande (in testa anche dopo il primo turno) al 53,4% dei voti contro il 46,6% dell’altra candidata. Neanche mezz’ora e la forbice si è allargata: quasi 57% dei consensi Hollande, poco più del 43% la Aubry. Dopo un milione di schede scrutinate, invece, il distacco si è assestato (56% contro), ma sul risultato finale non c’erano già più dubbi, tanto che la squadra di Francois Hollande ha messo da parte la prudenza: “Le tendenze sono positive, non si invertiranno” ha detto Pierre Moscovici, il braccio destro del prossimo avversario di Sarkozy.

La conferma definitiva dell’esito delle consultazioni primarie del centrosinistra, poi, è arrivata a stretto giro, ovvero quando è stata la stessa Martine Aubry ad ammettere la sconfitta in un discorso pronunciato davanti ai militanti nella sede storica del Partito socialista francese, a rue Solferino. Con la voce leggermente commossa, la Aubry ha affermato che il candidato socialista alle presidenziali “da stasera è Francois Hollande” ed ha invitato tutti i militanti a “unirsi attorno al nostro candidato”.

La straordinaria partecipazione popolare al secondo turno delle consultazioni primarie francesi ha confermato ancora una volta come lo strumento eserciti un enorme appeal sull’elettorato di ogni nazione. La pensa così anche l’ex presidente del Consiglio italiano Romano Prodi, secondo cui “anche dalla Francia viene la conferma di quanto le primarie siano strumento prezioso per restituire la parola ai cittadini e credibilità alla politica. Deve essere per noi ragione di orgoglio che sia stato il centrosinistra italiano ad aprire una strada così innovativa per la democrazia”. Per l’ex leader del centrosinistra italiano, inoltre, “le primarie si rivelano la via più efficace per costruire una coalizione e darle solidità programmatica e politica. Non una gara tra persone ma tra distinte proposte programmatiche pur a partire da valori comuni. Ciò vale anche in Italia, tanto più oggi in un momento così critico della vita del Paese”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liberazione del soldato Shalit: pubblicata
la prima lista di prigionieri palestinesi

next
Articolo Successivo

Francia, primarie socialiste: Hollande, ‘l’uomo normale’ che può battere ‘il bullo’ Sarkozy

next