Roma – Dopo i disordini di via Cavour i black bloc ricominciano a spaccare vetrine e incendiare macchine. Nel mezzo del corteo si scatena la rabbia dei manifestanti, al grido di “fascisti” e “andate via”. I Cobas, nel corteo immediatamente dopo il blocco nero, si animano cercando prima di dissuadere i “neri” e poi scontrandosi con alcuni di loro. di Franz Baraggino, Lorenzo Galeazzi, Paolo Dimalio

Via Labicana, proprio di fronte al Colosseo. A pochi minuti dall’esplosione degli scontri un gruppo di manifestanti incappucciati, con spranghe e caschi in mano, viene allontanato dal resto del corteo, tra urla e spintoni. Video di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Indignati a Londra, tra loro anche
il fondatore di Wikileaks Julian Assange

prev
Articolo Successivo

Roma a fuoco e fiamme, Gianni Alemanno:
“In Italia il peggio di tutta Europa”

next