E’ stata una settimana in cui tutta la potenza di fuoco della corazzata dell’informazione Rai è stata dispiegata. Il Tg di Uno ha a disposizione ben 169 redattori e molti di loro sono all’estero. Ecco perché riesce ad inforallegrarci non solo con sconvolgenti notizie dall’interno (vedi questo ottobre ballerino) ma anche con reportage da tutto il mondo.
Si parte dalla Grecia, Paese che in questo momento storico offre rari ed irrilevanti spunti giornalistici. Ecco perché Virginia Volpe è costretta a parlarci della gara di salti sui tetti di Santorini in un posto in cui “l’unico ostacolo è l’orizzonte”.

E’ difficile anche trovare notizie su internet riguardanti gli Stati Uniti. Per fortuna c’è la redazione web del Tg di Uno che, grazie alle faticose ricerche di Roberta Rizzo, riesce a scovare un paio di video su barbe e baffi. “Nell’Oaio (Ohio)” c’è una pericolosa “banda di religiosi Amish” che “armati di forbici hanno tagliato capelli e barbe” mentre nella vicina Pennsylvania hanno organizzato perfino una gara di baffi. Peluria di tutti i tipi,“riccia, liscia, bianca o di colore naturale”, anche a Lancaster, insomma, c’è più pelo per tutti.

Dagli Usa si passa in Australia via Londra. “Ed ora sentite questa storia”, annuncia con tono grave un telegrafico Francesco Giorgino. “Emozioni forti alla buca 14 di un campo da golf in Australia”. Tocca ad Antonio Caprarica inforallegrarci con gli squali che infestano un laghetto di un campo da golf. “Loro, i pescecani, stanno benissimo e hanno perfino figliato” ma le giocatrici non sono spaventate: hanno già lanciato la coppa speciale “Squalo del Lago”.

Caprarica è un giornalista versatile e, dopo gli squali dell’Australia, si cimenta in un servizio pop sui camerini per gli obesi di Sua Maestà. “Si allargano i clienti, allargate gli stanzini di prova”, la catena Simply Be nel Regno Unito “pubblicizza ampiamente questi reparti specializzati per taglie forti”. Anche le seggiole e i divani sono più larghi “per accogliere comodamente vasti posteriori”.

Il viaggio internazionale del tg più esilarante del pianeta si conclude in Siberia, sempre alla ricerca di peli e pelurie. In una sera d’autunno milioni di italiani si zittiscono quando ancora lui, Francesco Giorgino, annuncia in diretta una scoperta epocale destinata a cambiare la storia, la scienza e financo la fantascienza: l’uomo delle nevi esiste e vive in Siberia”. Il Tg di Uno, grazie alle incessanti ricerche del suo corrispondente da Mosca Giovanni Masotti, è riuscito a scovare peluria, materasso e impronte dello Yeti in Siberia. “Prove inconfutabili dimostrerebbero la sua esistenza dopo 6 secoli di vane cacce ed effimeri avvistamenti” ci racconta dalle steppe della Siberia il minzosegugio. In una caverna sono state, infatti, ritrovate “grandi orme a 5 dita, un presumibile letto 2 metri per 2, erba secca come materasso e una dozzina di peli grigi”. Dati incontrovertibili che testimoniano “il passaggio della mostruosa creatura metà uomo e metà orso”. Una roba da brividi, un servizio che ci fa rimpiangere le sane merende di Massimo Mignanelli.

Sono molteplici e di varia natura le novità della Minzoparade di questa settimana: le Ferrari da permanente, l’insonnia, carciofi e pecorino e i Simpson scalano la classifica. Scendono, purtroppo, i carrettini con i cuscinetti a sfera, la grattachecca della Sora Maria e il povero zufolatore fiorentino.

Minzoparade Anno II N. 37 (9-14 ottobre 2011, Tg di Uno ore 20)
1.(2) La riscoperta della merenda (-) Guarda il servizio
2.(1) La nuova Ferrari non rovina la permanente New Entry! Guarda il servizio
3. (1) I consigli per l’insonnia: aprite le finestre New Entry! Guarda il servizio
4.(1) Tutte le novità dell’ortofrutta: i carciofi con il pecorino New Entry! Guarda il servizio
5. (6) Il triste addio alla cabine telefoniche (-) Guarda il servizio
6.(3) Lo zufolatore fiorentino (-4) Guarda il servizio
7.(2) I cestini dei rifiuti a Londra parlano e cantano (-) Guarda il servizio
8.(5) La grattachecca della Sora Maria (-4) Guarda il servizio
9.(2) Il ritorno dei carrettini con i cuscinetti a sfera (-6) Guarda il servizio
10.(1) Ore contate per i Simpson New Entry! Guarda il servizio

Minzi Caldi (in ordine cronologico)
– La gara dei salti di Santorini Guarda il video
– Emozioni forti alla buca 14: gli squali nel campo da golf Guarda il servizio
– La gara di baffi della Pennsylvania Guarda il servizio
– Camerini per taglie forti Guarda il servizio
– Questo ottobre ballerino Guarda il servizio
– L’uomo delle nevi esiste e vive in Siberia Guarda il servizio

La posta della Minzoparade

Massimo C vota per il triste addio alla cabine telefoniche perché “riporta alla mente i ricordi d’infanzia” e, da sardo, per le novità dell’ortofrutta: “carciofi e pecorino sono effettivamente molto buoni”. Cormorano spera che il Minzo tiri dritto: “speriamo che continui su questa strada, visto che ci hanno tolto la Dandini e il Bagaglino”. Truegnek, infine, si interroga disperato:”quando ritornano i consigli su come difendersi dal freddo? L’estate è finita e io adesso non so come fare!”

Scuola Media Pilutzer
C’è un nuovo professore di minzogiornalismo a salire sulla cattedra della Scuola Media, la scuola del giornalismo Pilutzer. Si chiama Leonardo Metalli e, ad ora di pranzo, minzorandella Marco TravaglioUmberto Eco. Il “travagliato” è “un esperto giornalista, aspirante magistrato e colpevolista tout court”. Il prof. Metalli non sta nella pelle quando annuncia: “una ostinata fissazione per i casi penali della politica si è trasformata in un rinvio a giudizio”. Evviva. Insomma, secondo il prof. Metalli, è doveroso minzobacchettare un giornalista perché accusato di aver diffamato qualcuno mentre è lecito tacere che il suo direttore, anzi il suo direttorissimo, è stato appena rinviato a giudizio per peculato. L’altro autore da picchiare duro nella minzoscuola per bravi giornalisti e scrittori è Umberto Eco. Secondo la Chiesa e i critici mondiali è proprio noioso, anzi, come dicono a Saxa Rubra, “boring”.

Ecco la lavagna aggiornata, con Marco Travaglio che, finalmente, aggancia Massimo Giannini:

Buoni
Il Giornale (3)
Il Corriere della Sera (2)
Tg di Uno, Libero, Piero Ostellino,Vittorio Emanuele di Savoia, Filippo Facci, Alfonso Signorini, Giampaolo Pansa (1)

Cattivi
La Repubblica (19)
Il Fatto Quotidiano (12)
L’Unità (10)
Il Corriere della Sera (5)
La Stampa (4)
Marco Travaglio, Massimo Giannini, Il Secolo XIX, La stampa italiana (3)
Il Secolo d’Italia, Il Mattino (2)
Annozero, Oggi, I Giudici, Agenzia Ansa, Leoluca Orlando, Eugenio Scalfari, Roberto Saviano,La stampa francese,Concita De Gregorio,Vito Mancuso, Al Gore, Avvenire, Beppe Grillo, Il Quotidiano della Calabria, L’Espresso, Umberto Eco, Barbara Spinelli, Il Messaggero, Il Sole 24 Ore, Umberto Eco (1)

Il Centro Studi Tg di Uno di Vancouver vi invita ora a votare (doppia preferenza) i reportage che più vi hanno inforallegrato utilizzando lo spazio per i commenti. La Minzoparade è anche su Facebook e Twitter ed è pubblicata ogni sabato. Il nostro indirizzo è minzoparade@gmail.com. Tutti i reportage del Tg più divertente del globo sono anche trasmessi dal Minzoparade Channel su YouTube, l’unico canale molto rieduchescionel.

Vi aspettiamo sabato prossimo: i più divertenti servizi pop del Tg di Uno non sono ancora andati in onda.
A cura di Ernesto Salvi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tg1, i Metalli poveri

prev
Articolo Successivo

Ministro (inglese) e consiglieri (italiani)

next