La produzione industriale di autovetture nel mese di agosto ha segnato un aumento su base annua del 31,7 per cento e del 4,3 per cento rispetto al mese di luglio. Lo ha reso noto l’Istat, secondo cui l’indice di produttività nel mese di agosto – depurato delle variazioni di calendario (22 giorni lavorativi su trenta) – è aumentato in termini tendenziali del 4,7 per cento.

L’indice della produzione nel trimestre giugno-agosto è aumentato dello 0,7 per cento rispetto al trimestre immediatamente precedente. Nella media dei primi otto mesi dell’anno la produzione è cresciuta dell’1,7 per cento rispetto allo stesso periodo del 2010. Si tratta della maggiore ripresa dal 2000. Ma l’incremento registrato nel mese di agosto 2011 riguarda soprattutto i beni intermedi (+8,3 per cento) e dei beni strumentali (+6,9 per cento). Cresce in misura significativa anche la produzione di energia (+3,5 per cento), mentre l’incremento per i beni di consumo è di soli 0,6% punti percentuali. Trascinati in alto dalla crescita della produzione industriale di vetture sono soprattutto i settori metallurgico e manifatturiero e quello della riparazione e installazione di macchine ed apparecchiature. Il settore che in agosto registra la diminuzione tendenziale più ampia è invece quello del tessile, abbigliamento, pelli e accessori, che perde oltre il 10 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’uscita dal tunnel

prev
Articolo Successivo

Quanto è facile fare impresa in Italia?

next