Ieri si è tenuta l’udienza relativa al caso della Marlane Marzotto, lo stabilimento tessile di Praia a Mare (Cosenza) al centro di una vicenda giudiziaria per le presunte responsabilità dell’azienda in oltre 50 morti e altrettanti casi di tumori.

I decessi e le malattie sarebbero stati causati, secondo l’accusa, dalle ammine aromatiche dei coloranti e dall’amianto sprigionato dai freni dei telai che i lavoratori respiravano senza alcuna protezione.

Una storia che, dopo 15 anni di indagini, stenta a trovare visibilità mediatica, nonostante le numerose testimonianze degli operai, i dati statistici che rivelano all’interno della fabbrica un’incidenza di tumori significativamente superiore rispetto al dato regionale (4% contro 0,003% secondo una perizia tecnica del 2008) e l’accusa, oltre a quella di omicidio colposo, di disastro ambientale, per i rifiuti tossici rinvenuti da un’unità del Nucleo Operativo Ecologico nell’area circostante lo stabilimento.

Una vicenda che continua a passare sotto silenzio anche dopo l’intenzione manifestata dai legali delle famiglie di chiedere la trasformazione del capo di imputazione da omicidio colposo a omicidio volontario con dolo eventuale, come è stato per gli operai della Thyssen.

L’ultima udienza, il 24 giugno scorso, si era limitata a stabilire il rinvio al 7 ottobre. Oggi si sperava avvesse inizio la fase dibattimentale. Invece il processo è stato nuovamente rimandato al 28 ottobre prossimo per legittimo impedimento di uno degli imputati.

Ancora una volta lontano dai riflettori. Alcune morti valgono meno di altre.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pagamenti in ritardo e pochi investimenti
I collaboratori de L’Unità scioperano

next
Articolo Successivo

Fiom: “Sciopero nazionale il 21 ottobre”
Landini: “Fermi perché Fiat rimanga qui”

next