Vogliono prenderci per sfinimento. Vogliono che noi ci schifiamo a tal punto di tutto ciò che riguarda la gestione della cosa pubblica tanto da disinteressarcene totalmente. Per poi rinchiuderci nel nostro privato, e lasciarli fare i loro porci comodi. Ma a rimetterci saremmo comunque noi, e dobbiamo reagire, ora, prima che sia troppo tardi.

Questa della battaglia contro la “legge bavaglio” non è una macchinazione propagandistica per permettere a quattro vetero comunisti di urlare contro la censura. Tutt’altro. Qui si tratta della possibilità di avere le informazioni sui nostri politici, e quindi di controllarli (e decidere se mandarli a casa) e avere una magistratura che può liberarci da quelli corrotti. La “legge bavaglio” vieterebbe tutto questo, con metodi che ricordano regimi dittatoriali (vedi il carcere per i giornalisti).

E allora perché in piazza siamo sempre in quattro gatti? Perché non succede come a Madrid, Wall street o Tel Aviv, dove i cittadini, quando hanno deciso che non ne possono più, occupano le strade e dormono in tenda, e se ne vanno soltanto se portati via a forza dalla polizia? Cosa distanzia Roma da tutte queste altre città?

Perché sono riusciti nel loro intento. Perché ci hanno schifato a tal punto che ci hanno fatto superare il livello d’indignazione concesso a un uomo che ha anche da lavorare e da mandare avanti una famiglia, e che non può permettersi ogni giorno di gridare allo scandalo per l’ultima malefatta del politico di turno. Invece è proprio da lì che dobbiamo ripartire. Dobbiamo ritrovare la forza di gridare con forza il nostro “no”, e farlo sentire fin dentro il palazzo dei potenti. Perché se il palazzo oscilla, i potenti a un certo punto se ne devono scappare, e magari noi potremo ricominciare anche a vivere le nostre vite, con più serenità.

E allora cominciamo dalle piccole cose: una firma per dire no al bavaglio, insieme ad altri 470 mila italiani che lo hanno già fatto. Perché se ci guardiamo intorno siamo più di quanto non pensiamo. E se tutti noi facciamo un piccolo sforzo possiamo riempire quelle piazze, e far oscillare il palazzo, liberandolo così da una classe politica che ci ha sfinito, ma non ci ha buttato a terra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge Bavaglio, disobbidienza civile contro la congiura del silenzio

next
Articolo Successivo

Spielberg, dinosauri e telemostri

next