“Noi siamo dei broker, non ci interessa molto come sistemare l’economia mondiale né come aggiustare l’intera situazione. Il nostro lavoro è solo farci soldi sopra”. E ancora: “Personalmente era da tre anni che sognavo un momento come questo. Ho una confessione da fare: io vado a letto ogni sera sperando in un’altra recessione”. Le dichiarazioni choc sono di Alessio Rastani, un trader inglese dal nome italianissimo, intervistato ieri dalla BBC sull’attuale crisi economica. Senza filtro né censura, Rastani ha detto quello che nel mondo della finanza sanno in molti: in tempi di crisi e recessione chi sa ‘surfare’ sui mercati fa i soldi a palate, anche sulla pelle degli altri e alla faccia delle misure di austerità varate dai governi.

“Proteggete i vostri beni, perché nel giro di 12 mesi milioni di persone vedranno i propri risparmi andare in fumo”, continua Rastani, convinto in questo modo di dare buoni consigli. “Io voglio aiutare le persone, tutti possono fare soldi da questa crisi, non solo le élite. Quando i mercati crollano, quando l’Euro e le grandi valute crollano, se si ha un buon piano si possono fare tanti soldi”. Ma se non si agisce in tempo sono guai. “Questa crisi economica è come un cancro che cresce sempre di più. Preparatevi tutti quanti. Non è più tempo di rimanere fermi ad aspettare”.

E la politica? E i piani di salvataggio di cui si parla da mesi a Bruxelles? “I governi non governano il mondo. Goldman Sachs governa il mondo. E Goldman Sachs se ne frega delle misure di salvataggio e dei fondi di investimento”. Insomma, tutto chiaro?

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Barroso: “Crisi non finanziaria ma politica
Necessaria unità, no all’approccio federalista”

prev
Articolo Successivo

Alitalia: tutti quei sacrifici sono stati inutili?

next