Toh, la Cei prende posizione contro il governo del bunga bunga.

Lo fa con qualche annetto di ritardo per bocca del cardinal Bagnasco, e col solito stile generico e impersonale che ha subito offerto ai servi sciocchi del signor B. l’opportunità di dire: “Ma non stava mica parlando di lui!”. Il solito balletto.

Ciò non toglie, ovviamente, che il messaggio inviato dalle gerarchie ecclesiastiche italiane al governo sia stato forte. Che poi sia anche chiaro da un punto di vista lessicale, è un altro discorso. Per capirci, basta scorrere la frase del discorso di Bagnasco maggiormente riportata dai giornali: “Si rincorrono, con mesta sollecitudine, racconti che, se comprovati, a livelli diversi rilevano stili di vita difficilmente compatibili con la dignità delle persone e il decoro delle istituzioni e della vita pubblica”.

Ma cosa sarà mai una “mesta sollecitudine”? E poi, sarà mica che quel “rilevano” voleva essere un “rivelano”?

Forse un giorno sapremo, a Dio piacendo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chiesa, perché due anni per dire basta?

prev
Articolo Successivo

Bagnasco ribadisce: “Situazione seria e grave
occorre correggere abitudini di vita”

next