Non solo enti locali. La mannaia della manovra economica del governo colpisce anche la giustizia e chiude le procure. Come a Sciacca, seconda città della provincia di Agrigento (terra del segretario politico del Pdl Angelino Alfano) dove cancellieri, avvocati e amministratori sono sul piede di guerra. Quel palazzo è l’unico presidio di giustizia all’interno di una delle roccaforti del Pdl, dove è molto influente anche il numero uno di Cosa Nostra: Matteo Messina Denaro. La popolazione è infuriata perché nel 2009 era stato lo stesso Alfano, da ministro della Giustizia, ad assicurare: “il tribunale di Sciacca, e questa è una notizia buona che vi do, non corre alcun rischio di chiusura”. “Bugie ministeriali”, dicono i cittadini di Antonio Condorelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrara-show su Rai Tre: “Spero ti intercettino ridere con qualche puttana”

next
Articolo Successivo

Alzano su Wikileaks. Per gli Usa è un comune razzista

next