Grazie all’amica Santa Rossi, sappiamo che in Campania esiste un Osservatorio regionale sul traffico di organi di esseri umani. Il traffico di organi è un mercato illegale, gestito da organizzazioni criminali di diverse dimensioni che agiscono in vari paesi del mondo. Le vittime coinvolte sono migranti, in particolare donne e bambini che lasciano il loro paese alla ricerca di una migliore speranza di vita.

Il 1 febbraio 2008 è entrata in vigore la Convenzione del Consiglio d’Europa contro la tratta di esseri umani. Ciò nonostante, il turismo dei trapianti sta prendendo sempre più corpo nel nostro Paese e anche la Campania ne è violentemente protagonista. Molti sono gli immigrati che approdano nella nostra regione richiamati dal lavoro, seppure al nero, creato dalla criminalità organizzata, per poi vedere deluse le loro aspettative. E’ qui che entra in gioco il “commercio”, per cui molti immigrati, soprattutto giovani, arrivano a vendere un organo pur di vivere.

Il dato sconcertante è che, pur essendo evidente, non si ha il coraggio di denunciare. Chi sa preferisce mantenere il silenzio.

Rivolgersi alle autorità di competenza non è facile. L’Osservatorio diventa qualcosa di istituzionalmente necessario al fine di divulgare nel nostro territorio la consapevolezza del fenomeno. Diffondiamo!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nuove categorie
dello spirito

prev
Articolo Successivo

La tassa sulle fotocopie
e il diritto allo studio

next