Domani, 22 settembre, la Camera dovrà decidere sul deputato Marco Milanese, consigliere politico di Giulio Tremonti, per il quale la procura di Napoli ha chiesto il via libera all’arresto.

E’ stato chiesto il “voto segreto” per consentire ai deputati di esprimersi secondo coscienza. Il rischio, invece, è che i Calearo e Scilipoti di turno decidano per opportunità politica o, peggio, mettano all’asta la loro decisione. Allora viene da domandarsi: quanto costa la democrazia?

Noi domani saremo davanti a Montecitorio alle 12 e porteremo i nostri 5 centesimi. Monete che utilizzeremo per comprare delle arance a Marco Milanese, nel caso il Parlamento decida che è un cittadino come tutti noi e che quindi si debba procedere nei suoi confronti. Nel caso, invece, in cui la maggioranza dei deputati decida di difendere la Casta fino in fondo, utilizzeremo le monete raccolte per comprare una copia della Costituzione italiana. Chissà che la lettura della nostra preziosa Carta non gli ricordi che i cittadini sono uguali di fronte alla legge.

Ci vediamo domani, dalle 12 in poi, davanti a Montecitorio, con i nostri 5 centesimi in mano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Sole e Il Corriere chiedono al premier
di farsi da parte “per il bene dell’Italia”

prev
Articolo Successivo

Figli di papà (politico)

next