Un ritratto di Sabina Began, l’Ape Regina che ama il Cavaliere e gli organizza grandi feste per farlo felice. Peccato sia indagata per favoreggiamento della prostituzione. Forse non è stata così oculata negli inviti…

Da via Olgettina a via delle Zoccolette

Soprannom: l’Ape Regina.
In realtà Began Sabina,
la fatal bellezza slava
per amore fatta schiava

dal campione delle alcove.
In agosto, il ventinove,
del crucial duemilasei,
per volere degli dei,

s’incontrarono e da allora
la fanciulla Silvio adora.
Le inizial dei piccioncini
sono uguali e i due destini

obbligati a far pariglia.
Di Sabina la caviglia,
dedicata al personaggio,
porta questo tatuaggio

che lo invoglia alla salita:
A chi mi ha cambiato vita
dono l’anima ed il cuore
e prometto eterno amore
”.

Per Sabina fu un crescendo,
ogni giorno più stupendo:
diva dei settimanali
con i gossip padronali,

prima donna nelle feste
innocenti, pure, oneste
dell’anziano puttaniere,
prima scelta nelle schiere

delle femmine adoranti.
Fra le feste più importanti,
quella quando Berlusconi,
vincitor delle elezioni,

Malafemmena cantò
ed a lei la dedicò,
sotto gli occhi di Schifani
ed ai suon napoletani

di Apicella alla chitarra.
Si armò poi di scimitarra
per difender Berlusconi
rovinato dai papponi:

Silvio è un uomo molto pio,
Bunga bunga sono io,
soprannome spiritoso,
non il far peccaminoso

sul qual vil la stampa mente.
Giuro poi che il presidente
mai con Ruby fece sesso.
Le serate? Lo confesso,

le ho curate di persona
per il boss, ma senza mona
.
Poiché l’amo, come ho detto,
non gli porto troie a letto!

E fu grazie a tutto ciò
che il Berlusca le donò,
in via delle Zoccolette,
indirizzo che promette,

un alloggio eccezionale
fra i vip della capitale.
L’indagata ha vinto un terno.
Quando il capo del governo

finirà dritto in guardina
andrà sol l’Ape Regina,
malafemmena di un dì,
a trovar Ghepensimì.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Super Dario Bros. La settimana di Vergassola (10 – 16 settembre)

prev
Articolo Successivo

Box populi clamantis

next