Dieci ore di seduta: tanto è durato il Consiglio comunale di Sesto San Giovanni per arrivare all’approvazione del piano integrato di intervento sulle ex aree Falck. Un intervento urbanistico imponente: un milione di metri quadrati da edificare e quattro miliardi di euro di investimenti. Il sindaco Giorgio Oldrini e il vicesindaco Demetrio Morabito sono tornati a difendere il progetto davanti ai consiglieri. Non sono mancati momenti concitati, con accese polemiche tra maggioranza e opposizione e contestazioni contro la giunta di centrosinistra. Il pubblico, che non ha diritto di parola durante i consigli comunali, si è fatto sentire esponendo diversi striscioni come “Giunta di Oldrini: vogliamo le dimissionì” e “Di Leva dov’è?’, in riferimento a Pasqualino Di Leva, ex assessore comunale all’Edilizia arrestato nel corso dell’inchiesta dei magistrati brianzoli. La votazione si è chiusa con 17 voti favorevoli, 3 astenuti (Verdi, Lega e Idv che però fa parte della maggioranza). Né i rappresentanti di Forza Italia e An, né i due esponenti della lista civica Pasini (tra gli accusatori del “sistema Sesto”) hanno partecipato al voto.

Il soggetto che ha proposto il programma integrato d’intervento è la Sesto Immobiliare Spa, una società che fa parte del gruppo Bizzi & Partners development. Molto soddisfatto l’amministratore delegato Davide Bizzi: “Si tratta del primo, fondamentale, passo di un lungo percorso che permetterà alla città di riappropriarsi finalmente di un’area da troppo tempo abbandonata e degradata”. A guardare nel dettaglio il piano (vedi qui tutti i documenti sull’area Falck), si tratta di 607 mila metri quadrati (il 60 per cento del totale) di edilizia residenziale (libera, 485.824 metri quadri, pari all’80% del totale, e convenzionata, 121,456 metri quadri, il 20 per cento del costruito). Sesto potrà quindi  ospitare 20 mila nuovi abitanti. A questo cemento si aggiungono 49mila metri quadri di produzione beni e servizi; 81mila di produttivo; 147.853 di terziario; 27mila di ricettivo; 100mila di grande distribuzione – un centro commerciale da 50.000 metri quadrati – più una quota di media distribuzione e commercio di vicinato. E, ancora, 598.625 metri quadrati di parcheggi interrati.

Secondo Oldrini ” questo è un progetto fondamentale”. Il primo cittadino sottolinea la parte verde del piano: “Mi chiedo quale progetto in Italia preveda che si realizzino 180mila mq di edilizia convenzionata e sociale. Dove si salvano e si recuperano edifici di archeologia industriale di questa importanza e grandezza. Dove si realizza un parco di 450mila mq che passa gratuitamente alla comunità. In quale parte d’Italia c’e’ un progetto di questa qualità e di queste dimensioni pronto a partire?”. La magistratura, ha concluso il sindaco, “continuerà il suo lavoro con il nostro massimo rispetto, ma i suoi tempi sono diversi da quelli di chi amministra e governa”.

Sul caso Penati, indagato per le tangenti sull’area ex Falck e per l’acquisto della Milano-Serravalle, si è espresso ieri il sindaco di Torino Piero Fassino: ”Non ho mai avuto la sensazione che attorno a Filippo Penati, che conosco e stimo come dirigente, ci fosse un sistema. Lui per primo ha separato la sua posizione individuale da quella del partito. Vedremo le indagini, la presunzione di innocenza vale anche per lui”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, ancora scontri in Val Susa
Maroni: “Hanno intenzione di uccidere”

prev
Articolo Successivo

Popolo Viola e indignati in corteo,
“Facciamo piazza pulita in Parlamento”

next