Con un voto bipartisan, con una “decisione inqualificabile, inopportuna e incomprensibile” – come l’ha correttamente definita il Comitato Articolo 33, che si batte contro i finanziamenti pubblici alle scuole private – il Consiglio comunale del capoluogo emiliano ha approvato un odg che adotta il modello ideologico ciellino, la cui capofila è la Lombardia guidata da Formigoni.

Comunione e Liberazione, la potentissima lobby cattolica dedita al business, è cresciuta sull’onda dell’affermarsi della sussidiarietà e della conseguente dismissione dei servizi pubblici forniti dalle Istituzioni, affidati alle mani clericali di chiese, parrocchie, cooperative bianche e rosse. Il suo modello è riassunto nei suoi bilanci, in costante e vertiginosa crescita: togliere allo Stato facendosi pagare profumatamente dallo Stato.

A Bologna la sua alfiera paladina è Valentina Castaldini, consigliera comunale che – oltre a essersi battuta per far illegalmente bocciare la proposta di referendum consultivo sui finanziamenti dell’Amministrazione alle scuole federate dalla FISM (sindacato di categoria degli istituti cattolici) – firma l’ordine del giorno, approvato poi a maggioranza assoluta coi voti del Pdl, della Lega Nord e del Pd. Unici voti contrari quelli dei Sel e del M5S.

A questo punto, la tanto sbandierata “istruttoria pubblica” voluta dal Pd per risolvere i mali della scuola pubblica – carenza di docenti, aule poco sicure, classi sovraffollate, risorse economiche insufficienti – si rivela una bufala, il cui risultato è già scritto: il Comune continuerà a sperperare i soldi dei contribuenti e a regalarne alle scuole private.

Appena tornati da 48 lunghi giorni di vacanze estive, i consiglieri comunali sono già riusciti a portare in porto un nuovo pessimo servizio alla cittadinanza bolognese.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

I cinesi non sono quelli di Bruno Lauzi

next
Articolo Successivo

Clownterapia, al day hospital pediatrico del Rizzoli parte il “trenino del sorriso”

next