Un forte terremoto di magnitudo 6,3 (inizialmente si era parlato di 6,8) è stato registrato questa mattina al largo delle coste di Miyagi e Fukushima. La tv pubblica nipponica, la Nhk, ha riferito che non si hanno al momento notizie di danni a persone o cose, mentre i treni proiettile ‘shinkansen’ da Tokyo per Niigata e Yamagata si sono fermati, seguendo le procedure di sicurezza. Nessun problema nemmeno alla centrale nucleare di Fukushima. L’allarme tsunami con onde alte 50 cm lanciato in un primo momento dalla Japan Meteorogical Agency è stato ritirato.

Il sisma, ha reso noto la Japan Meteorological Agency (Jma), è avvenuto alle ore 14.36 locali (le 7.36 in Italia) e ha registrato un’intensità di 5 sulla scala nipponica di valutazione di 7. L’epicentro è stato individuato nelle acque dell’oceano Pacifico a 80 km dalle coste di Fukushima e alla profondità di 20 km, non lontano dall’area da cui ebbe origine il potente sisma/tsunami dell’11 marzo scorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Papa in Spagna dopo le proteste. E Zapatero teme critiche per le aperture sui diritti civili

prev
Articolo Successivo

Razzi palestinesi sul sud di Israele
dopo la rappresaglia su Gaza

next