Quattro nostri soldati, 4 paracadutisti, impegnati in Afghanistan sono rimasti feriti dall’esplosione di un ordigno rudimentale a Bala Balouk, cittadina nella provincia di Farah. La conferma arriva da fonti del contingente italiano di stanza a Herat. L’esplosione ha provocato anche il ferimento di un interprete. Nessuno dei feriti coinvolti nell’esplosione, precisa la nota, risulta al momento essere in pericolo di vita. La pattuglia è stata prima attaccata con alcuni colpi di mortaio, che non hanno causato danni, i militari, si legge in una nota del comando regionale Isaf, hanno manovrato dirigendosi verso l’origine del fuoco. Nei pressi di un villaggio a poca distanza da Bala Balouk, sono stati coinvolti nell’esplosione di un ordigno esplosivo improvvisato al quale è seguito uno scontro a fuoco. Il gruppo di soldati era impegnato in un’attivita’ di pattugliamento congiunta con le forze di sicurezza afgane, mirata al controllo del territorio e nel corso della quale era previsto anche un incontro con le autorità locali dei villaggi. Appresa la notizia del ferimento il presidente del Senato, Renato Schifani, anche a nome dell’Assemblea di Palazzo Madama, esprime la sua più affettuosa vicinanza ai feriti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi, misure di austerity in tutta Europa
Ma gli stipendi dei politici non si toccano

prev
Articolo Successivo

Siria, circa 60 i civili uccisi dal regime
Il Papa: “Necessario si ristabilisca la pace”

next