Amy Winehouse aveva 27 anni. Come me. Solo che lei adesso è morta, mentre io sto ancora qui a chiedermiche ne sarà della mia vita. All’estero stanno avanti. Ho letto un sacco di retorica in questi giorni sulla morte di Amy Winehouse: sui giornali, su Internet,persino sui manifesti di Forza Nuova (“Se ti droghi non ti Amy”). Ho letto molto anche su questa “maledizione dei 27 anni”, che consiste nel morire a quest’età in circostanze “non convenzionali”. Beh, lasciate che vi dica una cosa: morire a 27 anni sarà anche una maledizione, ma vivere a 27 anni è una disgrazia. Specie in un paese “non convenzionale” come l’Italia.

Io, che ho 27 anni da 7 mesi, ho capito che la morte è anche una questione sociale e generazionale. Se hai 27 anni oggi, la morte è l’unica alternativa che hai ad una vita precaria. Se cerchi stabilità, certezza nel futuro, c’è solo la morte. La morte è l’unica cosa ad essere rimasta a tempo indeterminato. Non solo: nel campo artistico la morte è il massimo della carriera. È come la censura per la satira. Un artista morto, specie se prematuramente, diventa subito un mito, una leggenda; e nel caso in cui fosse stato un mediocre in vita, una bella rivalutazione postuma non si nega a nessuno. Il pubblico ti rimpiange, la critica ti osanna. La morte ti dà quel senso che la vita non aveva. La morte è un valore aggiunto, e nessuno te lo può togliere.

Visto e considerato tutto questo, ho deciso di morire. A 27 anni. In modo non convenzionale. Se muoio adesso e in modo “non naturale” entro di diritto nel Club 27, accanto a Brian (Jones), Jimi (Hendrix), Janis (Joplin) e Jim (Morrison). Dicono che vale solo se hai anche la J nel nome: ma a parte il fatto che non è vero, dato che fa parte del club ancheKurt (Cobain), comunque il mio nome per intero all’anagrafe è Saverio J. Raimondo – i miei mi hanno messo apposta una J nel nome per garantirmi un futuro. Devo morire adesso, prima dei 28 anni. Non auguro a nessuno di avere 28 anni in questo paese. Ho 5 mesi ditempo. Ce la posso fare, ma mi devo sbrigare. Perché oggi ci sei, domani chissà, c’è il rischio di esserci ancora.

Il Misfatto, 31 luglio 2011

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Presenti in Aula

prev
Articolo Successivo

“Nitto Palma?” “Zitto, calma!”

next