E’ tutta la sera che cerco di mettere insieme due parole di commento. Niente. Avete visto la foto di questo manifesto della Lega? Non riesco a aggiungere niente. Niente che faccia ridere, voglio dire.

Riesco solo a pensare che tra tutti gli incroci partitici di PdL, Pd meno L e PdL meno Pd, da queste parti, fra le ridenti vallate che circondano Torino, ci è toccato il peggio: uno dei giovani uomini di punta del partito che vanta tra le sue fila personaggi del calibro di Borghezio, uno con una faccia che spinge anche i più scettici a rivalutare certe reminescenze lombrosiane.

Grigliata di carne, con foto della carne stessa medesima a fianco. E’ proprio vero, la Lega parla alla “pancia” dei suoi elettori: sia al il ventre che al bassoventre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bersani risponde al Fatto Quotidiano
“Noi gente perbene. Ci metto la faccia”

prev
Articolo Successivo

Rifinanziamento missioni all’estero
Il Senato approva. Ora decreto alla Camera

next