Gli attacchi informatici proseguono e in America cominciano a cadere le prime teste. Davanti all’impossibilità di contrastare le attività degli hacker contro Cia e Fbi, Randy Vickers, responsabile del ministero per la Sicurezza interna e incaricato di difendere il governo dalle violazioni informatiche, ha deciso di alzare bandiera bianca e a rassegnare le dimissioni.

Una decisione che dimostra come le agenzie sentinella deputate alla tutela delle infrastrutture tecnologiche degli Stati Uniti non abbiano ancora sviluppato difese sufficienti per schermare e respingere i pirati informatici.

Vickers era dal 2009 alla guida dell’agenzia governativa per la sicurezza Computer Emergency Readiness Team (CERT)  e prima di allora aveva ricoperto il ruolo di vice. Da venerdì, giorno in cui avrebbe ufficializzato la sua uscita, è stato sostituito dal braccio destro Lee Rock. Il quadro in cui è maturata la decisione, che ha avuto effetto immediato, solleva numerosi interrogativi sulla capacità degli Usa di rispondere alle minacce di intrusione dall’esterno nei sistemi informatici riservati. Le sue dimissioni, infatti, equivalgono a una doccia fredda per il network federale e arrivano in punta di piedi via mail.

Roberta Stempfley, segretaria per la sicurezza e le comunicazioni del Dipartimento, le ha infatti comunicate con un messaggio di posta elettronica inoltrato venerdì ad alcuni dipendenti dell’agenzia, senza specificare però le ragioni della scelta. Il dipartimento, che ha solo dichiarato di “non volere commentare decisioni personali” ha però confermato la decisione dell’ex capo.

L’addio di Vickers arriva dopo un travagliato periodo in cui l’amministrazione americana è diventata il bersaglio degli hacker informatici e il sito Information weeks, che per primo ha pubblicato la notizia, è certo che siano queste le ragioni del suo passo indietro. Negli ultimi mesi, infatti, tra gli obiettivi colpiti e in parte affondati da parte dei noti gruppo di pirati informatici Anonymous e LulzSec figurano anche il Senato, la Cia e l’esercito. A inizio mese il vice segretario alla Difesa William Lynn ha reso noto il furto di oltre 24mila file dai server del Pentagono orchestrato da un servizio di intelligence straniera e avvenuto lo scorso marzo. Inoltre nelle ultime settimane anche la Difesa è stata derubata di 90mila email e password di militari poi messe a disposizione in rete tramite un file torrent dal gruppo hacker AntiSec. Gli stessi che si sono intromessi nel sito dell’Fbi e hanno sottratto documenti interni sulla creazione di un nuovo programma di schedatura per combattere il terrorismo.

Anche se l’agenzia federale sta già cercando di contrastare il fenomeno con i 21 arresti di altrettanti Anonymous tra Stati Uniti, Gran Bretagna e Olanda, pare che gli hacker non abbiano alcuna intenzione di fermarsi. E le dimissioni di Vickers suggeriscono che oggi la vulnerabilità è il principale fattore di rischio. Dei governi, però, e non dei “pirati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Perquisiti casa e uffici della leghista Rizzi
“Dossieraggio per far eleggere Renzo Bossi”

next
Articolo Successivo

G8: abbiamo sbagliato
a Genova?

next