Due scosse di Terremoto sono state avvertite stasera in Lombardia, Liguria, Veneto ed Emilia Romagna. La prima di magnitudo 4.6 si è verificata verso le 20.30 a 15 chilometri di profondità ed è stata avvertita nettamente dalla popolazione. L’epicentro sarebbe stato localizzato fra Castelmassa e Sermide, a cavallo delle province di Rovigo e Mantova. Una seconda scossa è stata registrata verso le 20.50 nelle provincie di Padova e Vicenza. Al momento non risultano danni a persone o cose.

Per ora l’unica conseguenza è l’intasamento che i cittadini allarmati hanno provocato ai telefoni dei Vigili del Fuoco. Molte persone sono scese in strada. Treni cancellati e ritardi da 40 minuti a oltre un’ora si registrano allo snodo ferroviario di Verona. Le Ferrovie hanno infatti comunicato che dalle 20.45 è stata sospesa la circolazione ferroviaria sulla linea tra Bologna e Verona per accertamenti. Squadre di tecnici sono al lavoro per le verifiche sull’integrità della struttura e degli impianti di circolazione. Le verifiche servono per capire se c’è bisogno di interventi o meno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Via libera al poker cash e ai casinò online

prev
Articolo Successivo

San Raffele, suicida il vice di don Verzè
Il suo avvocato: “Non era indagato”

next