A 18 anni si conquista la pienezza dei diritti civili. Ma se sei disabile no. Perdi anche quello faticosamente acquisito dal 1974, ossia il diritto allo studio.

Lo perdi in base a una circolare del provveditore. Che non va a scoprire i disabili eventualmente fasulli, ma penalizza i disabili veri. Togliendo loro, come vuol fare il provveditore di Messina, anche un insegnante di sostegno. In tal modo addio possibilita di frequentare le lezioni, addio diploma.

Operazione senza senso che oltretutto non farà risparmiare nulla. Anzi, sarà un disabile che pagheranno le famiglie e la società sul piano assistenziale.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi, nuove foto di Zappadu svelano la simbologia erotico-massonica di villa Certosa

next
Articolo Successivo

L’ex pm del caso D’Addario: “Fui ostacolato nelle indagini su Tarantini e Berlusconi”

next