Doveva diventare assessore allo sport nella giunta di Gianni Lettieri a Napoli (“Lui è l’uomo del fare che ha a cuore questa città”) . E invece, abbandonati i sogni di amministratore, Fabio Cannavaro, ex capitano della nazionale, ora deve pensare ai guai giudiziari che gli arrivano dalla sua attività di imprenditore. Lui non è indagato, ma gli hanno sequestrato quote della sua società. Nell’inchiesta della Dda di Napoli, condotta dagli uomini della Dia, guidati dal capocentro Maurizio Vallone, a carico di un’associazione a delinquere (40 indagati) dedita all’usura, al riciclaggio di denaro sporco con l’aggravante di aver favorito il clan Lo Russo, Cannavaro compare nell’ordinanza di arresto e nel decreto di sequestro.

Il Gip ha disposto i sigilli “per il 35% delle quote che la società CMA holding e servizi srl, facente capo a Fabio Cannavaro, ha nella società SVEVA srl”. Un intreccio societario tra il capitano della nazionale e il suo socio Marco Iorio, a capo dell’associazione a delinquere e riciclatore dei soldi sporchi del boss Lo Russo, che dura da tempo. “Le indagini hanno evidenziato – si legge nel decreto – che il noto calciatore è da molti anni socio di Marco Iorio con una quota del 10% in gran parte delle società gestite dalla famiglia Iorio”.

Cannavaro, ascoltato dagli inquirenti nel maggio scorso, confermava le partecipazioni: “Fui io a propormi a Marco Iorio, dicendogli che era mia intenzione diversificare gli investimenti. Mi viene chiesto quanto abbia conferito nel momento in cui sono entrato in società con Iorio e rispondo che, per quanto ricordi, ho conferito 150.000 o 200.000 euro, non ricordo con esattezza”. Dopo aver riportato l’interrogatorio del campione del mondo e del suo commercialista, in ordine alla presenza societaria di Cannavaro nelle imprese di Iorio, il Gip Maria Vittoria Foschini, nel decreto di sequestro, conclude: “Alla luce delle dichiarazioni riferite dal commercialista De Vita e della documentazione dallo stesso esibita (schema riepilogativo delle società e corrispondenza telematica con l’indagata Sandra De Caro), può senz’altro affermarsi la sussistenza del fumus circa la fittizietà della intestazione alla società CMA del 35% delle quote della SVEVA srl, quote di fatto appartenenti a Marco Iorio”.

Ma chi è il socio di Cannavaro? Iorio, insieme alla famiglia Potenza, viene definito il promotore ed organizzatore dell’associazione a delinquere. Nelle attività economiche, come quelle di ristorazione in tutta Italia (la catena Regina Margherita e non solo) Iorio e soci impiegavano “denaro proveniente dai delitti di contrabbando ed usura nonché 2.000.000 di euro versati da Salvatore Lo Russo, capo dell’omonimo clan camorristico”. E lo facevano attraverso lo schermo dei prestanome per evitare di incorrere in sequestri e confische dei beni fino all’operazione di questa mattina che ha interrotto gli affari sporchi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“False le firme dei Pensionati per Cota”
Michele Giovine condannato a 2 anni e 8 mesi

next
Articolo Successivo

Barbareschi indagato per la piscina abusiva Lui smentisce e attacca: “Stampa vergognosa”

next