Un bambino di origine venezuelane è morto poco prima delle 16.00 all’ospedale Regina Margherita di Torino a causa di un guasto alla centrale di distribuzione dell’ossigeno dove erano in corso dei lavori. Il bambino, che avrebbe compiuto 10 anni ad agosto, era un paziente oncologico dell’ospedale e si trovava ricoverato in condizioni gravissime.

In rianimazione e intubato, al momento del guasto avrebbe ricevuto ossigeno puro al cento per cento che ha avuto conseguenze letali. Questa almeno la prima ricostruzione dell’accaduto. Altri cinque bambini erano collegati ai respiratori in quel momento, ma l’intervento del personale sanitario ha impedito che subissero danni.

Sull’accaduto è stata aperta una inchiesta coordinata dal pm Raffaele Guariniello, giunto sul luogo assieme ai Nas e ai Carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, Milano rischia di perdere l’evento
Bie: “Subito appalti o salta il progetto”

next
Articolo Successivo

Camorra, indagato capo della mobile di Napoli Sequestrata una società di Cannavaro

next