“Hanno lanciato 50 candelotti di fila su 600 persone. Mi sembra un po’ difficile fare resistenza passiva in queste condizioni”. Così i manifestanti No Tav descrivono gli scontri con le forze dell’ordine a Maddalena di Chiomonte. Fin dalle prime ore della mattina la polizia tenta di sfondare il presidio, tra le urla dei manifestanti. “Vergogna”, “Giù le mani dalla Val Susa” gridano. Insulti, spintoni, feriti da entrambe le parti. Qualcuno scappa da una tenda del presidio che ha preso fuoco perché colpita da un candelotto. “C’è un’ordinanza del prefetto che requisisce la strada – spiega un militante No Tav -, ma quest’area è stata affittata dalla Comunità montana e non interferisce con i lavori cantiere”. Eppure le forze dell’ordine la militarizzano. “Un’operazione sciagurata che viola tutte le regole”, aggiunge un altro manifestante. “Non sono ancora scaduti i termini di esproprio dell’area – spiega -, quest’azione è illegale: chiederemo un sequestro del cantiere” di Lorenzo Galeazzi e Cosimo Caridi

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio e politica in giro per il mondo

next
Articolo Successivo

No Tav a Roma: “Siamo tutti valsusini”

next