“Hanno lanciato 50 candelotti di fila su 600 persone. Mi sembra un po’ difficile fare resistenza passiva in queste condizioni”. Così i manifestanti No Tav descrivono gli scontri con le forze dell’ordine a Maddalena di Chiomonte. Fin dalle prime ore della mattina la polizia tenta di sfondare il presidio, tra le urla dei manifestanti. “Vergogna”, “Giù le mani dalla Val Susa” gridano. Insulti, spintoni, feriti da entrambe le parti. Qualcuno scappa da una tenda del presidio che ha preso fuoco perché colpita da un candelotto. “C’è un’ordinanza del prefetto che requisisce la strada – spiega un militante No Tav -, ma quest’area è stata affittata dalla Comunità montana e non interferisce con i lavori cantiere”. Eppure le forze dell’ordine la militarizzano. “Un’operazione sciagurata che viola tutte le regole”, aggiunge un altro manifestante. “Non sono ancora scaduti i termini di esproprio dell’area – spiega -, quest’azione è illegale: chiederemo un sequestro del cantiere” di Lorenzo Galeazzi e Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calcio e politica in giro per il mondo

next
Articolo Successivo

No Tav a Roma: “Siamo tutti valsusini”

next