Calisto Tanzi, ex patron della Parmalat, è stato ricoverato nell’ospedale Maggiore di Parma. Tanzi è stato trasportato in ospedale dal carcere di via Burla dov’è recluso per una sospetta ischemia.

Tanzi, che ha 72 anni, è detenuto nel carcere parmigiano dai primi di maggio, quando a seguito del passaggio in giudicato della sentenza di condanna a 9 anni e sei mesdi reclusione pronunciata a Milano è stato arrestato dalla Guardia di Finanza.

I suoi legali hanno chiesto al tribunale di sorveglianza di Bologna la concessione dei domiciliari facendo presente le precarie condizioni dell’ex patron e il raggiungimento, da parte di quest’ultimo, dell’età prevista dalla legge per l’applicazione di una misura più tenue rispetto alla detenzione in carcere. Entrambe le istanze sono state respinte.

Da quando era stato trasferito incarcere Tanzi godeva di un regime detentivo attenuato. Il Tribunale di Sorveglianza di Bologna, da cui dipende l’istituto di pena di Parma, aveva deciso per l’ex patron di Parmalat la reclusione in una cella singola della sezione cosiddetta dei “minorati fisici” sotto monitoraggio costante delle condizioni di salute. Ogni giorno, a causa dell’età e dei problemi  cardiaci e psicologici lamentati da Tanzi, il centro clinico del carcere emetteva un referto stilato da un medico e da uno psichiatra.

Oggi il malore e la caduta dalla branda che hanno portato Tanzi in ospedale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Hotel di Rimini in rivolta
per le recensioni pazze

prev
Articolo Successivo

Ferrara, trasferito il procuratore Minna. Il Csm: “Dava dei cretini ai pm”

next