“Non sono un eroe, solo un italiano stanco di vedere il presidente del Consiglio che vilipende costantemente la magistratura per salvarsi dai processi”.

Paolo Vaccari, 47 anni, una vita on the road da camionista e oggi da ambulante per i mercati emiliani, incarna la figura del cittadino che sfida Berlusconi. Da quando si è saputo che la Procura di Modena ha indagato il premier per vilipendio dell’ordine giudiziario accogliendo un suo esposto, il telefono non smette di squillare. “Chiamano amici, conoscenti, giornalisti per sapere se mi aspetto reazioni da parte dei berlusconiani. “Non ho paura – dice Vaccari – ma voglio chiarire che non odio il premier nè sono tesserato a partiti di sinistra che ho smesso di votare da quando non c’è più Enrico Berlinguer. Nelle prossime settimane andrò a seguire il primo congresso di Democrazia atea, che propone di abolire i patti lateranensi e pone al primo punto il rispetto della Costituzione”.

All’inizio di maggio, dopo le ultime invettive televisive di Berlusconi contro i magistrati, Vaccari ha notato su Facebook un gruppo che invitava a presentare esposti alle Procure: ”E ho deciso per la prima volta di agire – spiega il commerciante modenese – non siamo in presenza di uno sfogo momentaneo contro le alte cariche dello Stato, come capitò a Beppe Grillo o a Sabina Guzzanti, ma di una strategia di delegittimazione dell’ordine giudiziario. Chiunque, se avesse ripetuto frasi come toghe cancro da estirpare, sarebbe stato portato subito in questura e quantomeno denunciato. Insieme ad altri cittadini abbiamo cercato di dare la sveglia alle Procure. La differenza è stata che il pm di Modena, come ha spiegato il vostro giornale, ha deciso di non cestinare l’esposto come avvenuto in altre sedi giudiziarie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Erodiani e Pirani ottengono i domiciliari

prev
Articolo Successivo

Animali, teatro, politica: l’uomo fatto di passioni

next