Gli Stati Uniti hanno sferrato un nuovo attacco al terrorismo islamico. Un drone Usa ha ucciso Ilyas Kashmiri, 47 anni, leader del movimento religioso estremista Harkatul Jihad al Islami (Hji), organizzazione che si ritiene legata ad al Qaeda. L’attacco è avvenuto su un villaggio del Waziristan del Sud, regione tribale del Pakistan nordoccidentale, dove Kashmiri e i suoi uomini si erano trasferiti da una decina di giorni. Le vittime del drone sarebbero almeno nove, mentre altre tre sarebbero rimaste ferite. La morte del comandante islamico è stata confermata da un portavoce dell’Hji.

Kashmiri era già stato arrestato nel 2004 perché sospettato di aver avuto un ruolo in un attacco contro l’allora presidente pakistano Pervez Musharraf. Successivamente rilasciato, si è avvicinato al movimento dei Talebani e ad al Qaeda, all’interno della quale ha creato un suo gruppo: la ‘Brigata 133‘, temuta dagli esperti di sicurezza internazionale. Sulla sua testa pendeva una taglia degli Usa da 5 milioni di dollari. Il leader islamico è sospettato di aver avuto un ruolo nell’attacco del 22 maggio scorso alla base della Marina pakistana di Mehran, nella zona di Karachi, nel sud del Pakistan. Considerato uno dei più attivi e spietati comandanti vicini al al Qaeda, è indicato come la mente di un altro attentato, organizzato a Mumbai nel 2008 e che ha provocato quasi 200 vittime. Potrebbe aver avuto un ruolo anche in diversi attacchi in Europa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria, l’ultimo simbolo della rivoluzione
è un bambino di 13 anni ucciso dal regime

prev
Articolo Successivo

Perù, oggi il ballottaggio presidenziale
Tra il militare Humala e la populista Fujimori

next