Ok, la Rete può incidere molto sull’esito dei referedum del 12 e 13 giugno. Ma non basta. Bisogna usare altri mezzi e “bucare” il mondo della televisione, facendo notizia. Il popolo del web è già favorevole, ad esempio, a votare contro il nucleare, o contro la privatizzazione dell’acqua o il leggittimo impedimento. Quindi non commettiamo l’errore di rimanere nelle piazze digitali.

A mio avviso bisogna uscire fuori, in strada, e distribuire volantini fatti in casa: bastano 300 fotocopie a testa, in bianco e nero. Se 10 mila persone decidono di passare all’azione – magari mentre escono dall’ufficio o da casa – possiamo raggiungere 3 milioni di persone. E se fossimo 20 mila, portiamo la speranza di poter cambiare questo Paese a 6 milioni di persone. Usiamo anche il telefono e gli sms: mandiamo un messaggio alla nostra lista di contatti e chiediamo di girarlo ai loro amici. Usiamo ogni mezzo per far sapere a chi incontriamo che andremo a votare 4 sì al prossimo referendum.

Ma il “cavallo di Troia” è la capacità di far notizia. Bisogna inventarsi eventi che costringano i media a parlare dei temi del referendum. Greenpeace ha calato uno striscione enorme all’interno di uno stadio e la foto è stata ripresa dai principali mass media. Quindi inventiamoci qualcosa di eclatante. Ad esempio: è possibile chiudere un uomo e un bambino in una bottiglia di plastica gigante, alta sei metri? Si può fare? Il messaggio sulla bottiglia potrebbe essere: “Non voglio l’acqua privata per mio figlio”. Con un gruppo di venti persone si va davanti al Senato o alla Camera, si gira un video, si scattano foto, e si invia tutto ai giornali e alle tv. Oppure: entriamo nelle metrolitane (affollate) con un grande cartello che dice: “Io voto 4 sì ai referendum”, si gira un video e lo si invia alle redazioni dei giornali e lo carichiamo su YouTube.

Insomma, bisogna arrivare in modo diretto alle piazze, ai vecchietti, alle scuole, e dobbiamo trasformarci in attivisti e guerrieri della comunicazione. Io ho impaginato un volantino e farò mille fotocopie: salirò in treno e ne lascerò una copia su ogni sedile. Nel volantino, oltre ai 4 Sì da votare ai referendum, ho scritto: “Sei vuoi un futuro migliore, stampa anche tu 1000 fotocopie e distribuiscile personalmente”. Poverò anche a girare un video. Fatelo anche voi e… passate parola!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Obiettivo quorum

prev
Articolo Successivo

“Su Fukushima nascosta la verità. Vogliono minimizzare le conseguenze dell’incidente”

next