L'ex governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio

Una sentenza che è “una grande ingiustizia”. L’ex governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio commenta così la sua condanna in primo grado a quattro anni di carcere per la vicenda della tentata scalata ad Antonveneta da parte di Bpi. Dice di avere la “coscienza a posto” Fazio, che a uno dei suoi legali, Roberto Borgogno, spiega: “Sono sicuro di avere sempre operato per il bene e sono convinto che questa sentenza vada riformata”. Una sentenza, quella del tribunale di Milano, che stabilisce una pena maggiore dei tre anni che avevano chiesto i pm. E poi cinque anni di interdizione dai pubblici uffici e una multa da un milione e mezzo di euro.

Borgogno, che assiste anche l’ex capo della Vigilanza di Bankitalia Francesco Frasca, che è stato assolto, davanti ai giornalisti ha commentato: “Alla soddisfazione per l’assoluzione di Frasca si accoppia l’amarezza per la costatazione che giustizia è stata fatta solo a metà. Il processo non offre elementi per distinguere le due posizioni. A nostro avviso è una sentenza che va rivista e riteniamo che la pena più grave per Fazio si giustifica per la sua posizione istituzionale”. Rispondendo alle domande dei cronisti, il difensore ha ribadito che la sentenza è “ingiusta nel merito e nelle dimensioni. Credo, inoltre, abbiano ritenuto attendibili le dichiarazione del dottor Fiorani rese in questo processo e che per noi sono inattendibili”. L’ex ad di Bpi Gianpiero Fiorani, condannato a un anno e 8 mesi di reclusione in continuazione con i 3 anni e 3 mesi di carcere che aveva patteggiato nel marzo del 2008, durante il suo interrogatorio in aula aveva puntato il dito contro l’allora ‘amico’ e numero uno di via Nazionale.

Di “verdetto sconcertante” parla Giovanni Consorte, condannato a tre anni di reclusione e un milione di multa. “Un teorema, una sentenza già scritta nel 2005 – dice l’ex presidente Unipol in un’intervista a Repubblica -. Ma io ho la coscienza a posto perché non ho commesso reati e non ho mai fatto parte di patti occulti. Ero sicuro di aver dimostrato la mia estraneità all’operazione Antonveneta. Perciò ricorrerò in appello”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonveneta, dal “bacio in fronte” ai “furbetti del quartierino”

next
Articolo Successivo

La guerra ai magistrati delegittima chi la fa

next