Malta dice ”sì” al divorzio. Il referendum per la sua legalizzazione è passato con una netta maggioranza del 54% dei voti. L’isola era rimasto l’ultimo Paese europeo a non avere ancora riconosciuto questo istituto.

I maltesi hanno espresso un voto netto nonostante una campagna intensiva da parte della Chiesa, che ieri sera, prima della chiusura dei seggi, ha emesso una nota di scuse agli elettori per alcuni messaggi che sono stati ritenuti “di insulto o non chiari” da parte di alcuni membri del clero. E nonostante il parere contrario del primo ministro Lawrence Gonzi, leader del partito nazionalista che governa da 25 anni. Gonzi, che aveva portato il suo partito a prendere una posizione netta o chiara contro il divorzio, oggi ha espresso “neutralità” nei confronti del verdetto delle urne e ha chiesto ai deputati di “rispettare questo risultato”.

Il capo del movimento per il “sì”, Jeffrey Pullicino Orlando, ha detto che questo risultato è significativo perché porta Malta verso una nuova era dove Stato e Chiesa finalmente verranno separati.

Soddisfazione è stata espressa dalla Lega italiana per il divorzio breve: “I cittadini maltesi hanno detto sì al divorzio rifiutando una campagna arrogante da parte della Chiesa che tardivamente chiede scusa – ha commentato il segretario Diego Sabatinelli -. Ancora una volta il buon senso prevale sul potere, e la ragionevolezza vince sull’arroganza: che Malta sia finalmente benvenuta in Europa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’Egitto riapre il valico di Rafah
Rotto l’isolamento della Striscia di Gaza

next
Articolo Successivo

Strauss-Kahn, esilio di lusso e prigione dorata per “l’uomo nuovo del ceto medio francese”

next