Il sito ByoBlu di Claudio Messora si è imbattuto in un interessante sistema per far levitare il numero dei fan della propria pagina facebook. Della propria, o di quella di un personaggio pubblico. Gli ingredienti, spiega Messora, sono pochi e semplici: un utente loggato a Facebook e un paio di siti specchio, un po’ truffaldini, che agiscono come non dovrebbero, o come non dicono, e in ogni caso all’insaputa dell’internauta. Un click qui, uno là, e l’ignaro utente si trova a dire “mi piace” di qualcosa senza saperlo. A beneficiare dell’insperato aiuto, guarda caso, il sindaco Letizia Moratti, attraverso il sito fatti-fantastici.info, poi prontamente rimosso. Quanti mi piace ha ottenuto la signora Brichetto dall’insperato aiuto della rete? Quanti sono i siti uguali a quello? E chi ha commissionato il “lavoretto”? Difficile dirlo, visto che i siti si celano dietro ad un aggregatore anonimo di domini.

Ecco la spiegazione completa dell’imbroglio dal canale youtube di ByoBlu

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

“Simpatico ma inadatto a governare”
Vespa scambia Pisapia con Berlusconi

next
Articolo Successivo

E meno male che Gigi (D’Alessio) c’è

next