Il Financial Times di oggi scrive che i consiglieri del Fondo monetario internazionale si trovano davanti alla difficile decisione se chiedere o meno l’immunità diplomatica per il direttore generale Dominique Strauss Kahn. In base allo statuto dell’Fmi, i suoi funzionari “sono immuni da processi giudiziari per azioni espletate nella loro capacità ufficiale, salvo quando il Fondo revoca tale immunità”.

Non si capisce perché la decisione sia così difficile. Qualunque cosa sia successa in quella camera d’albergo da 3mila dollari a notte, il potente donnaiolo francese non stava certo espletando una azione inerente la sua “capacità ufficiale”. Quindi di che immunità stiamo parlando?

Ammettiamo pure che Strauss Kahn sia vittima di un complotto (e la tempistica può destare qualche ipotesi di “fumus persecutionis”), sarebbe nell’interesse dello stesso accusato che la verità venisse a galla al più presto. Quindi (di nuovo) niente immunità.

E poi, se permettete, l’immunità nel caso di un’accusa così grave come quella di violenza sessuale, andrebbe abolita tout court.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pedofilia, Vaticano: “Vescovi rispettino leggi civili e stiano vicino alle vittime”

next
Articolo Successivo

Resta in carcere prete accusato di pedofilia
“Li voglio giovani e disagiati”

next