Le manifestazioni di stamani davanti al tribunale di Milano in occasione del processo Mediaset sono “obiettivo intralcio alla normale attività giudiziaria”. Lo scrivono Livia Pomodoro, presidente del Tribunale, e il presidente facente funzione della Corte d’Appello, Giuseppe Tarantola, in una lettera inviata a tutti i magistrati.

“La situazione odierna di manifestazione esterna al Palazzo di Giustizia è per tutti noi fastidiosa e costituisce obiettivo intralcio alla normale attività giudiziaria. Intendiamo protestare con le Autorita’ competenti al fine di evitare il disagio per coloro che quotidianamente frequentano il Palazzo di Giustizia. E, ovviamente, per assicurare la dovuta dignità a coloro i quali amministrano la giustizia a Milano”. “Siamo certi che da parte vostra – concludono – sara’ assicurata per la giornata odierna l’attività ordinaria con la massima serenità e la consueta professionalità”.

Stamani il procuratore di Milano, Edmondo Bruti Liberati, era intervenuto sulle manifestazioni. “La magistratura italiana e la magistratura milanese lavorano per il Paese nell’adempimento del loro compito e per essere servi della legge”, ha detto in risposta a quanto detto da Silvio Berlusconi: “I magistrati lavorano contro il Paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maroni, “Mi chiedo se abbia senso
rimanere nell’Ue”

prev
Articolo Successivo

Legalità anche al nord, tremila
giovani a scuola di antimafia

next