“Un accordo tecnico che ci consente di chiudere il rubinetto”. Poche parole che fanno eco al leader della Lega Umberto Bossi. Così il ministro dell’Interno Roberto Maroni ha spiegato il risultato dell’incontro con il suo omologo tunisino, Habib Essid. Un accordo “lungo e non facile”, arrivato dopo due giorni di visite a Tunisi e nove ore di riunione con le rispettive delegazioni. “Ma che avventura!”, ha scritto lo stesso ministro sul libro degli ospiti dell’ambasciata italiana a Tunisi, dove ha tenuto una breve conferenza stampa.

Nel testo dell’intesa non c’è solo il rafforzamento della collaborazione tra le forze di polizia italiana e tunisina per bloccare le partenze dei migranti. Maroni ha raggiunto lo scopo principale: “Il rimpatrio di cittadini dei due Paesi che si trovino in situazione d’irregolarità”. Obiettivo: “Svuotare la vasca”, la seconda parte del piano espresso oggi da Bossi.

Per i dettagli dell’accordo bisognerà aspettare domani, quando Maroni riferirà a Palazzo Chigi e consegnerà il testo al presidente del consiglio Silvio Berlusconi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giustizia, relazione ddl: superare soggettivismo pm

next
Articolo Successivo

Lampedusa, si cercano dispersi in mare
Ancora 1100 migranti sull’isola

next