Diciamoci la verità. Siamo tutti un po’ sfiniti. Seguire l’estenuante tira e molla delle “bombe mediatiche” è qualcosa che logora i nervi. Hai appena finito di raccattare un po’ d’entusiasmo per qualche exploit che sembra accorciare i tempi dell’agonia di questa indecente politica, ed ecco che ti ritrovi depresso per la contromossa che arriva fulminante e che fa sembrare già vecchia quella piccola ebbrezza provata per l’insperato passo avanti.

Ci vuole un fisico bestiale. Nervi d’acciaio per non farsi prendere dallo sconforto. Leggi e ascolti di tutto. Da anni, ormai. Sai che ci saranno rivelazioni choc sulle bombe del ’94, roba che solo a nominarla fa tremare le vene e i polsi. E non succede nulla. Sfogli video hard di pseudo-orge nelle ville di Sardegna, con tanto di leader internazionali arrapati in posa. E non succede nulla. Sai che in Parlamento e al Governo arrivano batterie di “favorite”. E non succede nulla. Sai, leggi i testi delle telefonate, che c’è una cricca di malfattori che ha in pugno il Paese e che se la ride sui terremotati de L’Aquila. E, in fondo, non succede nulla.

Poi, forse, è la volta buona. C’è qualcuno che vuota il sacco sul lettone di Putin a luci rosse. Qualche sussulto e dissolvenza. Un giorno Roma va in fiamme, sembra la guerra. E in poche ore l’oblio avvolge tutto. Saltano come birilli lodi, scudi e quant’altro. Cambia poco. Ti rivolti ascoltando intercettazioni da suburra. La vita continua in questo meraviglioso mondo. Attenzione. Arriva il colpo di grazia, pensi. Minorenni a gogo avvistate nei sacri palazzi precedono la cannonata Ruby. Sembra il the end di un film horror.

Ma non è finita. Come a Berlino, c’è un giudice a Milano, per fortuna. L’ora X della giustizia è suonata. Cos’altro può accadere? Suspence. Un tremolio nei sondaggi. Ma può anche accadere che non accada nulla. Nell’attesa frenetica che non solo la Giustizia, ma il vecchio, caro buon senso, il filo semplice degli eventi, abbattano il muro di gomma, aspettiamo, confusi e sgomenti, la bomba del giorno dopo. Ci vuole un fisico bestiale. Alleniamolo, insieme al cervello. Per essere pronti a usarlo (il cervello).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sgarbi e le “impigliate” minorenni

next
Articolo Successivo

Alfano: “In Cdm riforma costituzionale della giustizia la prossima settimana”

next