Dopo 33 anni Vittorio Emanuele ammette di aver ucciso Dirk Hamer, sparandogli nella notte sull’isola di Cavallo, in Corsica. Una confessione involontaria avvenuta nel carcere di Potenza. Ecco quello che il principe racconta ai suoi compagni di cella su come riuscì a sfuggire alle accuse nonostante avesse torto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, protesta davanti al consolato di Milano

next
Articolo Successivo

Philippe Daverio: “Per i 150 anni dell’unità d’Italia? Io scappo su Saturno”

next