Dopo 33 anni Vittorio Emanuele ammette di aver ucciso Dirk Hamer, sparandogli nella notte sull’isola di Cavallo, in Corsica. Una confessione involontaria avvenuta nel carcere di Potenza. Ecco quello che il principe racconta ai suoi compagni di cella su come riuscì a sfuggire alle accuse nonostante avesse torto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, protesta davanti al consolato di Milano

next
Articolo Successivo

Philippe Daverio: “Per i 150 anni dell’unità d’Italia? Io scappo su Saturno”

next